Anche in presenza di una diagnosi molecolare, la metà dei pazienti richiede un'attenta interpretazione dei risultati e spesso ulteriori indagini

AL-AIN (EMIRATI ARABI UNITI) – Le nuove tecnologie, come il sequenziamento dell'intero esoma (WES) sono sicuramente utili, ma la competenza del personale sanitario gioca sempre un ruolo di primo piano. Questo il risultato della riflessione di un gruppo di studio degli Emirati Arabi Uniti, che ha utilizzato questa tecnica per diagnosticare i bambini con errori congeniti del metabolismo e altri disturbi. I risultati dello studio sono stati pubblicati sull'Orphanet Journal of Rare Diseases.

Dal gennaio 2012 al dicembre 2014, 85 pazienti (46% femmine) sono stati osservati nel centro metabolico del Tawam Hospital di Abu Dhabi: poiché con i metodi convenzionali non è stato possibile raggiungere delle diagnosi definitive, è stato richiesto il test WES.

Ottanta pazienti (il 93%) avevano meno di 18 anni e quarantaquattro (il 52%) meno di 5 anni; sessantotto (l'80%) avevano anomalie neurologiche. Il WES ha favorito una diagnosi rapida nel 50% dei pazienti, in particolare quelli con disturbi mitocondriali. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, anche dopo aver ottenuto i risultati è stata necessaria un'indagine approfondita. La maggior parte dei pazienti con diagnosi molecolare confermata aveva un disordine autosomico recessivo ed era omozigote per gli alleli rari.

La maggior parte dei pazienti con disturbi autosomici dominanti e tutti i pazienti con disturbi X-linked avevano mutazioni de novo. I risultati del WES sono stati negativi (non sono state individuate varianti patogeniche connesse al fenotipo del paziente) in sei soggetti, e scorretti in due casi. Un paziente ha riportato una mutazione emizigote “nociva” in un gene che suggeriva un disturbo congenito della glicosilazione, ma gli studi sulla glicosilazione erano normali e i fratelli sani avevano la stessa mutazione. Un altro paziente aveva una mutazione “patogena”, ma gli acidi organici nelle urine erano normali.

Il WES ha confermato errori congeniti del metabolismo (cinque malattie mitocondriali, tre da accumulo lisosomiale e altri sei disturbi) in 14 pazienti e malattie genetiche (14 neurologiche e tre non neurologiche) in 17 pazienti. Varianti di significato sconosciuto sono state identificate in 48 pazienti; 12 avevano “varianti patologiche confermate” e 12 “varianti patologiche probabili”, sulla base di fenotipi omogenei, studi biochimici o di segregazione, o riportata patogenicità. In 24 pazienti, le varianti erano incompatibili con i fenotipi o con gli studi biochimici o familiari.

Anche se il WES ha fornito una diagnosi molecolare, i risultati hanno richiesto attente interpretazioni e molti pazienti hanno necessitato di ulteriori indagini”, concludono gli autori dello studio. “Questo strumento è utile quando i metodi diagnostici convenzionali falliscono. La competenza del personale nell'ottenere il consenso e l'autorizzazione, nell'interpretare i risultati e nel fornire la consulenza adeguata sono essenziali prima di incorporare questa tecnologia nella pratica clinica di routine”.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni