La parola solidarietà nella provincia di Perugia non conosce crisi e va anzi in direzione opposta: nel 2010 c’è infatti stato un aumento della raccolta fondi del 26 per cento rispetto al 2009. Il dettagli delle donazioni raccolte è stato presentato lo scorso 5 gennaio, in un incontro alla Provincia di Perugia dal coordinatore BNL per Telethon, Paolo Gallina. L’occasione è stata l’estrazione dei biglietti vincenti della Lotteria per Telethon che ha visto circa 3.300 biglietti venduti per un ricavato di oltre 5.500 euro. I dati mostrano che in tutta l'Umbria complessivamente si sono raccolti 255.415 euro, di cui 203.508 nella sola provincia di Perugia: nel 2009 erano stati raccolti 161.355 euro.

I donatori in totale sono stati 5.527. A questi dati si devono sommare ulteriori 24 mila euro da raccolta spontanea più gli Sms non conteggiabili, in quanto confluiscono sul dato nazionale che quest’anno sono ammontanti a 31 milioni 200 mila euro, anche qui in aumento rispetto al 2009.
"Dopo un anno dalla sottoscrizione del protocollo di intesa con Telethon, abbiamo oggi la prova che l'impegno delle istituzioni a favore delle iniziative benefiche è determinante e lo dimostra l'incremento di fondi raccolti rispetto allo scorso anno, nonostante il particolare momento di crisi – ha detto il vice presidente della Provincia di Perugia, Aviano Rossi - Se da una parte questo è il segno che il valore della solidarietà è ancora forte in ambito sociale, dall'altra è chiaro che in un momento così difficile le istituzioni non devono abbandonare coloro che volontariamente si mettono a disposizione degli altri, come fa Telethon".
La presentazione dei dati è stata anche l’occasione di una importante promessa di "rinnovo della collaborazione per il nuovo anno a dimostrazione che la solidarietà è ancora viva nonostante il difficile momento che stiamo vivendo". Alla conferenza hanno partecipato, inoltre, Giuseppe Rubertis coordinatore di Telethon per le province di Perugia e Terni e Salvatore Fabrizio del Cesvol. Ruberti nel suo intervento ha tenuto a sottolineare come oltre l'80 per cento del denaro raccolto sia destinato alla ricerca di malattie genetiche rare. "Ma la ricerca non si conclude oggi - ha detto - riguarda tutto l'anno e rinnoviamo l'impegno a lavorare per dare speranza ai malati affetti da queste patologie".

 

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni