Fonte Asca
Il cervello sa suonare o guidare perché memorizza con esattezza quando iniziano e dove finiscono le azioni. Lo dice uno studio pubblicato su Nature che mostra come nel cervello siano presenti precise sequenze neurali associate ai comportamenti umani. Saper suonare il pianoforte o guidare la biciletta dipende quindi dalla presenza di ''copioni'' chimico-elettrici archiviati nel cervello. Lo hanno scoperto i ricercatori portoghesi dell'Istituto Gulbenkian di Ciencia in collaborazione con un team americano del National Institutes of Health, notando che nei pazienti affetti da Parkinson o Malattia di Huntigton, due malattie neurodegenerative, le stesse funzioni sono compromesse.

Gli scienziati hanno fotografato la materia grigia, individuando nel corpo striato un'area del sistema nervoso coinvolta nell'apprendimento di attività quotidiane.
''La nostra scoperta - commenta uno degli autori, Rui Costa - può essere di particolare importanza per i pazienti affetti dalla Malattia di Huntington e dal Parkinson, ma anche per le persone affette da altre patologie, come il disturbi ossessivo-compulsivi”


Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni