L’intervista al Dr. Renzo Mignani, durante il congresso SIN 2018

La malattia di Fabry è una malattia genetica rara causata dalla mancanza di un enzima, l’alfa-galattosidasi. È caratterizzata da specifici segni neurologici, cutanei, renali, cardiovascolari, cocleo-vestibolari e cerebrovasculari. “Il danno renale si manifesta principalmente con albuminuria nelle fasi iniziali e poi con una proteinuria, alle quali può seguire, nelle fasi più avanzate della malattia, un’insufficienza renale vera e propria”, ha precisato il Dr. Renzo Mignani, del Dipartimento di Nefrologia e Dialisi, Ospedale degli Infermi di Rimini, durante il congresso della SIN svoltosi a Rimini dal 3 al 6 ottobre.

Le manifestazioni renali, in genere, non sono le prime a mostrarsi; spesso i primi sintomi riguardano l’ambito neurologico, cutaneo e cardiovascolare. Sono i podociti a subire il danno renale maggiore: nei pazienti con Fabry, queste cellule del glomerulo renale sono alterate per accumulo di glicosfingolipidi. Questo compromette la corretta attività di filtrazione svolta dai reni e danni che possono degenerare fino alla totale insufficienza funzionale dei reni.

Tra lo 0.3% e lo 0.7% dei casi di ESRD (insufficienza renale terminale) di origine sconosciuta può essere ricollegato alla malattia di Fabry. “La diagnosi si basa sull’effettuazione di un semplice esame delle urine e sulla determinazione degli indici funzionali renali; lo stesso monitoraggio clinico deve essere effettuato ogni 6 mesi con le stesse indagini”, ha precisato il dott. Mignani.

Le raccomandazioni in campo nefrologico per questi pazienti riguardano il controllo della proteinuria e dell’ipertensione. Se il paziente durante i follow up periodici presenta proteinuria è indicato l’effettuazione di una biopsia renale per evidenziare tipiche lesioni. “Se i pazienti si dimostrano proteinurici è necessario che assumano farmaci antiproteinuria, come gli ACE-inibitori e i sartani, e al tempo stesso controllino l’ipertensione con i farmaci predisposti per tale sintomo”, ha aggiunto il dott. Mignani.

Per la valutazione dell’andamento del tempo della malattia è stato messo a punto uno strumento, l’indice Fastex (FAbry STabilization indEX), sviluppato da sette esperti italiani: grazie all’analisi di 7 parametri fondamentali nella valutazione dell’andamento della malattia, consente di valutare lo stato dei pazienti nel tempo, tra due visite, evidenziando eventuali variazioni nella malattia. “La presenza della stabilità della malattia è fondamentale”, conclude Mignani. “Rappresenta uno dei goal della terapia, perché non sempre è possibile ridurre o normalizzare alcune alterazioni a livello renale o cardiaco”.

Per la diagnosi, evoluzione ed efficacia della malattia ci sono diversi marker, tra cui il Lyso GB3; quest’ultimo riesce a identificare se una mutazione presente in un paziente è patogena. È anche un marker sensibile alle variazioni conseguenti al trattamento farmacologico.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni