Ogni giorno i pazienti affetti da Fibrosi Cistica mettono in gioco la loro voglia di vita nei confronti di una malattia che quotidianamente pone nuove sfide. Superare costantemente gli ostacoli posti da questo avversario significa vincere la partita.
Si rinnova per il terzo anno consecutivo la fortunata collaborazione tra la Lega Italiana Fibrosi Cistica Onlus (LIFC) ed il mondo del basket. L'annuncio è stato dato il 9 ottobre scorso a Milano nel corso dell'evento di presentazione della stagione 2014-15 della Serie A Beko, organizzato da Legabasket e Gazzetta dello Sport.

Anche per questa edizione la campagna nazionale “Basket for Fibrosi Cistica” organizzata dalla LIFC godrà della partnership della Serie A Beko, i cui palasport, dal 15 febbraio al 1 marzo, si “tingeranno di blu” per sensibilizzare il pubblico sulla patologia e raccogliere fondi per migliorare la qualità della vita e delle cure dei pazienti.
Il ricavato di questa iniziativa sarà infatti destinato al progetto “Telemedicina per pazienti adulti con FC” che, grazie ad un sistema di telemedicina “portatile”, consentirà di monitorare costantemente i parametri clinici dei pazienti che aderiranno al programma, in modo da poter avere un intervento
tempestivo in caso di insorgenza di infezioni e/o riacutizzazioni, limitando al massimo i giorni di ricovero.

 

Attraverso la campagna “Basket for Fibrosi Cistica”, lo sport diventa al tempo stesso strumento di sensibilizzazione e di cura. Esso è infatti particolarmente adatto a veicolare la causa della LIFC, poiché rappresenta un’occasione di festa e un momento di partecipazione, ma soprattutto perché un’adeguata attività sportiva è terapeutica per i pazienti con FC per il miglioramento delle cure e della qualità della loro vita.

La Fibrosi Cistica è una delle malattie genetiche più diffuse. Colpisce pancreas, fegato e polmoni fino ad impedire una delle funzioni più semplici ed importanti: il respiro. Ad oggi non esiste una cura risolutiva, ma l’utilizzo di alcuni approcci terapeutici è utile per garantire ai pazienti uno standard di vita elevato. Si stima che ogni 2.500-3.000 bambini nati in Italia, uno è affetto da FC (200 nuovi casi all’anno). Oggi quasi 4.500 bambini, adolescenti e adulti affetti da FC frequentano cliniche specializzate in Italia. Per merito dei continui progressi e miglioramenti nelle cure, i neonati FC possono avere un’aspettativa di vita di 40 anni ed il 4% della popolazione FC in Italia oggi supera quest’età.

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni