UK - Il Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) ha deciso di finanziare ivacaftor per i pazienti affetti da fibrosi cistica che presentino la mutazione G551D. La notizia, diffusa da Vertex Pharmaceuticals Incorporated, arriva in seguito a un’attenta valutazione clinica ed economica da parte dell’NHS, che renderà disponibile il farmaco il più rapidamente possibile.

Ivacaftor, primo farmaco orale per il trattamento della fibrosi cistica, è stato approvato dall’FDA statunitense, dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e da Health Canada.

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni