“La mia vita è stata tutta una sfida. Nulla è stato mai scontato, né le cose semplici, come andare a scuola o nuotare, né quelle più ambiziose, come avere un bambino”

Una storia coraggiosa quella di Valeria, la storia di una diagnosi precoce di fibrosi cistica e di una donna che non ha mai smesso di sognare e di lottare per la sua vita. “Sono nata nel 1970 e solo all’età di 3 anni mi hanno diagnosticato la fibrosi cistica, quando ancora era una malattia sconosciuta”, comincia così il racconto pubblicato sul mensile  Ok Salute e benessere di maggio, dopo 14 anni dal trapianto. “La fibrosi cistica colpisce in particolar modo i polmoni provocando bronchiti ricorrenti e tanta produzione di  muco che ti fa mancare il fiato.  L’ aerosol entrò a far parte dell’arredamento di casa, la mia vita era scandita da antibiotici, fisioterapia tre volte al giorno, enzimi per il pancreas e le visite per l’ingresso in ogni possibile sperimentazione. Mia madre ha sacrificato tutta la sua vita per stare dietro a me e se n’è andata solo dopo che avevo raggiunto l’obiettivo del trapianto, a 27 anni: avevo ormai i polmoni distrutti e il cuore cominciava a cedere, i medici americani, appena un anno prima, si erano stupiti che fossi ancora viva. La vita era diventata un’agonia. Si cominciava allora a parlare di trapianti di polmoni e fin dall’inizio non ho avuto dubbi, sono entrata in lista non appena alla fine del ’96 hanno cominciato a farli in Italia. C’era solo la metà delle possibilità di uscire viva dalla sala operatoria, se fosse andata bene potevo aspettarmi di vivere 5 anni. ‘Meglio 5 anni di vita decente che questa agonia’ pensavo, perché senza quel trapianto non c’era più vita. Senza quello non mi sarei  nemmeno sposata, non volevo condannare mio marito a farmi da infermiere.”

“Peggioravo da quando avevo 17 anni, ero riuscita a prendere la patente, il diploma, a trovare un lavoro part time, ma stava diventato tutto troppo difficile, la notte dovevo dormire seduta per respirare, mia madre mi aiutava a vestirmi, nemmeno gli antibiotici tenevano più a bada le infezioni ed ero sempre malata. Tutto questo da 10 anni. Volevo portare avanti i miei sogni e solo nel trapianto vedevo una speranza: ancora una volta mia madre mi appoggiò.”

Così Valeria arrivò in ospedale per il trapianto, camminando sulle sue gambe. Per i medici fu una grande sorpresa, soprattutto quando disse loro di aver progettato le nozze da li a un anno e mezzo. “Fuori dalla sala operatoria c’era il futuro e veramente un anno e mezzo dopo mi sono sposata. All’inizio è stata dura, ci sono stati dei rigetti e poi mia madre se n’è andata, ma poi le cose si sono stabilizzate. C’era ancora un desiderio che non avevo esaudito: avere un figlio. I medici erano preoccupati e mi sconsigliavano ma le mie condizioni erano stabili da 10 anni, non potevo rinunciare. Così nel maggio 2010 è nata mia figlia, una gravidanza senza problemi. Ora posso lavorare a tempo pieno, correre dietro a mia figlia, andare in bicicletta. Ho avuto tutto quello che volevo e ora , continuo ad aiutare quelli che hanno la mia stessa malattia collaborando con la Lega Italiana per la Fibrosi Cistica, dico a tutti che bisogna lottare tanto e non arrendersi mai. Ora la mia Vita è un sogno! Quando guardo mia figlia, quando mi prendo cura di lei, quando gioco con lei, quando insieme a mio marito facciamo le cose normali della vita faccio fatica a credere che sia la realtà e qualche volta ho paura che sia un sogno dal quale non vorrei più svegliarmi.”

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni