Appuntamento il 27 maggio al parco Nicholls Oval di Peterborough

La fibrosi cistica colpisce un neonato su circa 25000,e tra le patologie genetiche è la più diffusa in Canada. Appena qualche giorno fa, sull’edizione online del Corriere Canadese, è stata pubblicata la storia del piccolo Anthony Romanell di Peterborough.

Il piccolo, quasi sei  anni, è affetto da fibrosi cistica e ogni giorno deve sottoporsi a una lunga terapia polmonare. Lo scorso anno, nel periodo natalizio, Anthony ha conosciuto Andrew D’Agostini, portiere italocanadese dei Peterborough Petes, squadra di hockey di Ohl. La squadra, già impegnata in una campagna di sensibilizzazione sulla fibrosi cistica, ha ora organizzato proprio per il piccolo Anthony la Fibrosis Great Strides Walk, una marcia di sensibilizzazione che si svolgerà il 27 maggio alle 9 am nel parco Nicholls Oval di Peterborough.

Il promettente atleta ha lanciato un appello a tutta la comunità italiana “Aiutare la ricerca contro questa terribile malattia è semplice. Da dicembre il mio team ha raccolto 1700 dollari per la causa: continuamo a donare, basta un click sul sito della Cystic Fibrosis Foundation Anthony ha subito un’operazione un mesetto fa, sembra che tutto proceda bene, ma con questa malattia non si può mai dire: basta un attimo, scatta una crisi di tosse e bisogna correre in ospedale. È questione di vita o di morte. Il nostro obiettivo è raccogliere come minimo 2mila dollari. Sarebbe fantastico trovare una cura a questa patologia”

Anthony è un bambino molto attivo, vorrebbe venire a tutte le partite dei Peterborough Petes, ma è impegnato con le terapie, così le segue in radio. Quest’anno ha anche iniziato a giocare a hockey, la squadra gli ha insegnato a pattinare.

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni