Farmaci

Da oggi il farmaco potrà essere utilizzato in bambini idonei a partire dai 4 mesi di età

La Commissione Europea ha recentemente approvato l'estensione dell'indicazione del farmaco ivacaftor (Kalydeco®), autorizzando l’uso del medicinale, in formulazione in granuli, per il trattamento dei bambini con fibrosi cistica (FC) di età pari o superiore a 4 mesi, con peso di almeno 5 kg, aventi una delle seguenti mutazioni nel gene CFTR: G551D, G1244E, G1349D, G178R, G551S, R117H, S1251N, S1255P, S549N o S549R.

In Europa, ivacaftor era già approvato per pazienti con FC di età pari o superiore a 6 mesi, con peso di almeno 5 kg, aventi una delle seguenti mutazioni nel gene CFTR: G551D, G1244E, G1349D, G178R, G551S, R117H, S1251N, S1255P, S549N o S549R. L'aggiornamento dell'etichetta del farmaco si basa sui dati ottenuti da una specifica coorte di pazienti arruolati nello studio di sicurezza ARRIVAL, di Fase III. Tale coorte era composta da 6 bambini con FC, di età compresa tra 4 e meno di 6 mesi, aventi mutazioni di CFTR idonee al trattamento con ivacaftor.

“Il nostro primo modulatore di CFTR, ivacaftor, è stato approvato per la prima volta otto anni fa, per alcuni pazienti con FC aventi dai 6 anni in su. Con l'approvazione odierna, i bambini di appena 4 mesi risultano idonei a ricevere il farmaco e riteniamo che il trattamento precoce sia importante nella gestione della fibrosi cistica", ha affermato Reshma Kewalramani, CEO e Presidente di Vertex. "L'approvazione di oggi è una testimonianza del nostro impegno a proseguire il cammino fino a quando tutte le persone con FC avranno a disposizione un'opzione terapeutica".

Per maggiori informazioni è possibile consultare il comunicato stampa aziendale.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni