Usa - Alexion Pharmaceuticals, Inc.  ha annunciato  la presentazione dei nuovi dati che dimostrano i benefici a lungo termine di Soliris ® (eculizumab) in pazienti affetti da emoglobinuria parossistica notturna (EPN), una malattia del sangue rara e gravemente debilitante.
I nuovi dati sono stati presentati alla 54esima riunione annuale della American Society of Hematology di Atlanta e hanno confermato la sicurezza a lungo termine e l’efficacia della terapia con Soliris ®, dimostrandone l’impatto positivo sulla qualità della vita dei pazienti.


I dati di un registro internazionale EPN hanno dimostrato che Soliris ® ha ridotto significativamente il rischio di tromboembolia (TE). I ricercatori hanno riferito che il trattamento a lungo termine ha portato ad un miglioramento della sopravvivenza rispetto ai controlli storici, e una significativa riduzione nell'incidenza di trombosi. I ricercatori hanno riportato anche i dati sugli effetti della sospensione della terapia anticoagulante: l’indipendenza trasfusionale è stata osservata nella maggior parte dei pazienti, e il numero di unità trasfuse era significativamente ridotta in pazienti che ricevono ancora trasfusioni. I risultati hanno anche confermato la sicurezza a lungo termine e l'efficacia di Soliris come trattamento continuo.

Le informazioni dettagliate sui dati presentati da Alexion sono disponibili a questo link.

Ricordiamo che recentemente l’azienda ha deciso di portare in Italia tutti i servizi alla produzione grazie agli accordi tra Alexion Pharma International Sarl e Patheon Inc.

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni