Roma – Abbiamo tempo fino al 31 Agosto per continuare a sostenere la campagna Miles for Haemophilia: your personal best e condividere sui nostri profili social (Twitter, Instagram, Facebook) - utilizzando l’hashtag #kmxemofilia - i chilometri percorsi ogni giorno, con qualunque attività sportiva.
In meno di un mese sono stati raggiunti i 4000 chilometri necessari ad erogare la donazione - di un valore non superiore a 10.000 Euro - per realizzare il miglior progetto presentato dalle Associazioni Pazienti Emofilici che favorisce la pratica sportiva nei ragazzi e giovani adulti affetti da emofilia.

Ora ci aspetta una nuova sfida: continuare a far sentire tutto il nostro affetto e la nostra solidarietà a chi, ogni giorno, deve confrontarsi con questa malattia rara, che può essere efficacemente curata ma da cui non è possibile guarire. Possiamo aggiungere molti altri chilometri al contatore della campagna, così come è successo l’anno scorso nell’edizione inglese che ha raggiunto oltre 15000 miglia: più del doppio rispetto all’obiettivo stabilito!
E allora, approfittiamo delle belle giornate e delle vacanze estive per non fermarci e continuare a pedalare, correre, camminare per restare vicini alle persone affette da emofilia.

La campagna, nata con l’endorsement delle Associazioni Pazienti FedEmo (Federazione delle Associazioni Emofilici) e Fondazione Paracelso e con il contributo incondizionato di Pfizer, ha l’obiettivo di creare consapevolezza sull’emofilia e sensibilizzare il pubblico coinvolgendolo nel raggiungimento di un importante obiettivo: la raccolta di 4000 chilometri (uno per ogni paziente emofilico stimato in Italia).

Per maggiori informazioni sulla campagna “Miles for haemophilia” clicca qui.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni