Dai dati sembra che la terapia non causi lo sviluppo di anticorpi

Turoctocog alfa (NN7008), un fattore VIII della coagulazione ricombinante di terza generazione, per la prevenzione e il trattamento dei sanguinamenti nei pazienti con emofilia A, potrebbe essere presto approvato da EMA e FDA.

A dare notizia della richiesta di registrazione è stata l’azienda danese Novo Nordisk, che ha presentato alle agenzie i dati degli  studi Gardian TM1 e Guardian TM3, completati nel 2011, che avevano arruolato la più ampia popolazione di pazienti con emofilia A mai inclusa in una sperimentazione clinica.
I risultati degli studi avevano dimostrato l’efficacia del farmaco nel prevenire e trattare i sanguinamenti senza sviluppare inibitori, cioè gli anticorpi che neutralizzano il fattore somministrato come terapia sostitutiva.

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni