La Calabria conquista un primato nella sanità e lo fa in un campo, quello delle malattie rare, dove talvolta arrancano regioni più ricche. L’Azienda Ospedaliera "Pugliese Ciaccio" di Catanzaro, già centro di riferimento regionale per l’emofilia, ha infatti avuto, alla fine di iter serio e complesso, l’accreditamento professionale rilasciato dall’Associazione Italiana Centri di Emofilia (Aice). Il Centro Emofilia, Emostasi e Trombosi del Ciaccio, unità operativa diretta dalla dottoressa Rita Carlotta Santoro, ha dunque ora una certificazione che attesta il livello qualitativo dell’assistenza offerta tramite specifici percorsi diagnostico-terapeutici basati sulle evidenze scientifiche, e che testimonia anche la valorizzazione tecnico professionale di coloro che lavorano all’interno del centro. Il Ciaccio non solo è l’unico ospedale della Calabria ad aver voluto, volontariamente, sottoporsi ai controlli e alle prove per questo accreditamento, ma è anche l’unica struttura del centro sud ad aver raggiunto questo traguardo: in tutta Italia sono solo 5 le strutture che godono di questa certificazione d’eccellenza.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni