Fino al 30 settembre 2016, attraverso l’hashtag #kmxemofilia, tutti potranno partecipare 'donando chilometri'

Dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno, è ripartita la campagna 'Miles for Haemophilia: your personal best', promossa dalle Associazioni Pazienti FedEmo (Federazione delle Associazioni Emofilici) e da Fondazione Paracelso, con il contributo incondizionato di Pfizer. L'iniziativa, rivolta a tutti gli utenti del web, nasce con l’obiettivo di creare consapevolezza e sensibilizzare il pubblico sull’emofilia e sull’importanza di praticare sport per migliorare la qualità di vita delle persone che soffrono di questa malattia.

Fino al prossimo 30 settembre, sarà possibile condividere i chilometri percorsi con l’attività sportiva (ciclismo, nuoto, corsa o qualunque altro sport o attività fisica) sui profili Facebook, Twitter e Instagram con l’hashtag #kmxemofilia, partecipando all'ambizioso obiettivo di quest’anno: arrivare a 17.152 chilometri, 1 in più rispetto al traguardo del 2015. Al raggiungimento di questa distanza, Pfizer finanzierà la realizzazione di un progetto destinato a favorire la pratica di un’attività sportiva da parte dei pazienti emofilici più giovani.

Quest’anno, per diffondere ancora di più la conoscenza della campagna, sarà possibile coinvolgere uno o più amici, 'nominandoli' attraverso il tag ed invitandoli a partecipare alla raccolta dei chilometri. Anche chi non svolge attività fisica può contribuire al raggiungimento del traguardo, visitando la sezione dedicata alla campagna sul sito www.pfizer.it e cliccando 'mi piace' sotto il contatore dei chilometri. Ad ogni 'mi piace' corrisponderà un chilometro donato.

Il contatore verrà aggiornato quotidianamente con i chilometri donati e i 'mi piace' ottenuti, per verificare, passo dopo passo, quanta strada è stata fatta e quanta ne resta da fare per raggiungere la meta finale.

Una volta conseguito l’obiettivo, Pfizer donerà una somma di denaro non superiore a 10.000 euro per finanziare la realizzazione del miglior progetto, presentato da una delle Associazioni di Pazienti Emofilici, che favorisca la pratica sportiva nei ragazzi e nei giovani adulti affetti da emofilia. Lo scorso anno, la donazione messa a disposizione da Pfizer è stata assegnata al progetto 'Un tuffo nel futuro', dedicato al nuoto e alla pratica dei tuffi e presentato dall'Associazione Emofilici di Bologna e Provincia.

Appassionato sostenitore della compagna è Alex Dowsett, il campione del ciclismo inglese affetto da emofilia grave. La sua storia dimostra concretamente come l’attività sportiva, unita a una corretta profilassi, possa consentire ai pazienti di migliorare la convivenza con la malattia raggiungendo traguardi importanti, nello sport come nella vita di tutti i giorni.

La campagna sarà inoltre appoggiata da numerosi blogger sportivi e dal Team Spartans Italia, un’associazione di atleti amatoriali (ciclisti, nuotatori, podisti, corridori e atleti di triathlon) che ha fatto della motivazione e dell’educazione alla vita sana la sua filosofia.

Per maggiori informazioni sulla campagna 'Miles for haemophilia' è sufficiente visitare il sito www.pfizer.it.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni