Per ora la sperimentazione si fa solo sugli animali

USA - Un articolo recentemente comparso su PNAS suggerisce che i pazienti con Distrofia muscolare di Duchenne potrebbero trarre grande beneficio da una nuova terapia. Si tratta della somministrazione per iniezione della proteina umana Wnt7a, per ora sperimentata solo sul modello animale.


Lo studio statunitense, coordinato da Julia von Maltzahn e il Dr. Michael Rudnicki (scienziato che ha scoperto le cellule staminali muscolari negli adulti), dimostra che  le iniezioni della proteina sono in grado di aumentare le dimensioni della fibra muscolare e arrestare i danni dovuti alla malattia.
La proteina sembra infatti in grado di attivare un processo di segnalazione che induce la rigenerazione stimolando le cellule staminali muscolari e alcuni altri processi in grado di contrastare la degenerazione dovuta alla malattia.

Si tratta quindi di un trattamento potenzialmente promettente, che dovrà essere studiato ulteriormente e poi sperimentato sui pazienti. Sono già in corso alcune valutazioni precliniche su alcuni composti terapeutici sviluppati dalla biotech Fate Therapeutics.

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni