A Siena, presso la splendida cornice di Rocca Salimbeni, concessa da Banca Monte dei Paschi di Siena, venerdì 16 ottobre, dalle ore 9 alle 18 si terrà il convegno organizzato dal neuropischiatra Roberto Canitano, dell'UOC Neuropsichiatria Infantile dell'AOU Senese, diretta dal professor Joussef Hayek, dal titolo “Disturbi dello spettro autistico: traiettorie di sviluppo, basi neurobiologiche e terapia”, a cui parteciperanno i maggiori esperti del settore. Obiettivo del meeting è fare il punto sulla continuità nella ricerca scientifica e nell'assistenza a bambini, adolescenti e giovani adulti con questi disturbi.

“La gravità e i sintomi della malattia, di cui non si conoscono ancora le cause – spiega Canitano - variano molto in base all'età e alla precocità con cui è stata effettuata la diagnosi. L'autismo si manifesta di solito entro i tre anni di vita del bambino, con scarsa comunicazione verbale, poca socialità, ripetizione nei comportamenti, eccessiva importanza all'ordine. La diagnosi precoce è importante ma non esiste un'unica terapia. Ci sono più strategie terapeutiche che prevedono sempre il massimo coinvolgimento dei genitori”.   

La partecipazione di relatori di alto profilo provenienti da importanti centri europei, italiani e americani, potrà fornire nuove indicazioni per la diagnosi e terapia di questi disturbi neuro-psichiatrici. Le relazioni saranno moderate da Michele Zappella, fondatore della scuola senese e direttore della Fondazione per la Ricerca sull'Autismo di New York, David Cohen dell'Università Pierre et Marie Curie di Parigi, Sylvie Tordjman dell'Università di Rennes, Yuri Bozzi dell'Università di Trento e Maria Luisa Scattoni dell'Istituto Superiore di Sanità di Roma. Alexander Kolevzon, direttore del centro per l’Autismo del Mount Sinai Hospital di New York, presenterà  una lettura magistrale sulle nuove terapie per i disturbi dello spettro autistico.

Siena è centro di riferimento nazionale per l'autismo grazie all'esperienza pluriennale e alle più moderne terapie utilizzate. “Il 95% dei nostri pazienti – aggiunge Hayek – nella maggior parte dei casi affetti da disturbi dello spettro autistico, proviene da fuori Toscana. Nel 2015 tra nuovi ricoveri e controlli abbiamo registrato circa 500 casi. C'è molta più attenzione e conoscenza, rispetto al passato, nel riconoscere i casi di autismo e poter quindi effettuare la giusta terapia può consentire di avere migliori risultati, soprattutto in giovane età”. Una sessione sarà dedicata anche agli studi di genetica in quest'ambito.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni