Non prenderla alla leggera. Un controllo può salvarti la vita: questo il messaggio della campagna Make Sense del 2020, un invito forte e chiaro a non sottovalutare i tumori della testa e del collo e a sottoporsi ai controlli diagnostici necessari. La proposta creativa di questa edizione è volta a stanare i tipici atteggiamenti nocivi che si assumono di fronte alla malattia, per spingere l’opinione pubblica a riflettere sull’effettivo valore della prevenzione e agire di conseguenza.

Anche per questa edizione l’iniziativa è promossa dall’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica (AIOCC) in occasione della Make Sense Campaign 2020, la campagna europea di sensibilizzazione sui tumori della testa e del collo che dal 21 al 25 settembre metterà in campo numerose iniziative su tutto il territorio nazionale.
La presentazione della campagna Make Sense 2020 si terrà ufficialmente il 9 settembre alle ore 18.00 con la diretta dalla pagina Facebook AIOCC alla quale interverranno: il Prof. Valentino Valentini, Presidente dell’Associazione Italiana Oncologia Cervico Cefalica (AIOCC), il Dott. Maurizio Magnani, Presidente Associazione Italiana Laringectomizzati (AILAR Onlus) e il Prof. Roberto Maroldi, Direttore U.O.C. Radiologia 2 degli Spedali Civili di Brescia.

Non prenderla alla leggera. Un controllo può salvarti la vita è il messaggio 2020 ideato per invitare la popolazione italiana a non aver paura di rivolgersi a quei centri specializzati che, da Nord a Sud, nonostante la difficile situazione sanitaria, hanno messo a disposizione video consulti online dal 21 settembre al 9 ottobre 2020, che possono condurre ad una eventuale diagnosi tempestiva. Attraverso il portale dedicato, gli utenti interessati potranno compilare un semplice questionario anonimo per capire se i sintomi riportati siano riconducibili a tumori della testa o del collo. Al termine del questionario, sarà possibile capire se è necessario ricorrere al video consulto con uno specialista, da prenotare direttamente tramite un link indirizzato ad una piattaforma dedicata e realizzata grazie alla collaborazione con DaVinci Salute, innovativo servizio di telemedicina. Successivamente, ove necessario, gli utenti saranno invitati a recarsi presso il centro specializzato più vicino e ottenere maggiori informazioni.

Anche quest’anno, la campagna sottolinea l’importanza della diagnosi precoce, che gioca, un ruolo fondamentale in questi tumori. Se identificate agli stadi iniziali, nel corso di una semplice visita otorinolaringoiatrica e/o chirurgica maxillo – facciale, e in assenza di interessamento linfonodale, le neoplasie hanno tassi di guarigione che vanno dall’80 al 100%. Un controllo tempestivo specialistico diventa quindi l’unico strumento in grado di sconfiggere questa patologia che ogni anno vede circa 9.000 nuovi casi diagnosticati, con una schiacciante maggioranza nella popolazione maschile (131.000). Purtroppo l’età di insorgenza si sta modificando: nonostante il 24% circa dei nuovi casi di tumore testa collo venga diagnosticato in pazienti di età superiore ai 70 anni si è riscontrato un recente aumento tra le persone più giovani, dovuto probabilmente alla connessione tra HPV e tumori testa collo. Infine va ricordato che ben il 75% dei tumori di testa e collo sono causati da fumo e alcol.

La campagna Make Sense è un’iniziativa unica ed emozionante promossa dalla Società Europea dei Tumori Testa Collo (European Head and Neck Society, EHNS) che ogni anno ribadisce l’importanza della consapevolezza dei sintomi legati ai tumori della testa e del collo e di un tempestivo ricorso al medico.

“Nel rispetto delle misure precauzionali e, ancor prima, della salute pubblica, AIOCC quest’anno ha optato per un’evoluzione della campagna Make Sense, rendendola al 100% digitale. Numerosi Centri specialistici Italiani apriranno virtualmente le porte al pubblico, offrendo video consulti gratuiti ai pazienti che hanno riscontrato, attraverso la compilazione dei questionari, uno o più sintomi potenzialmente collegati ai tumori testa - collo. Un primo screening per favorire una cultura della prevenzione e della diagnosi tempestiva nel trattamento di questi tumori – sottolinea il Prof. Valentino Valentini, Presidente AIOCC (Associazione Italiana Oncologia Cervico Cefalica) -. Si potranno ricevere informazioni anche attraverso il materiale informativo che sarà presente nel nuovo portale collegato al sito AIOCC, e, ricorrere, laddove ci fosse bisogno, all’ausilio di uno specialista, trovandolo nella lista dei centri più vicini”.

I sintomi dei tumori della testa e del collo sono comuni ad altre patologie, per questo vengono spesso confusi con normali manifestazioni quali: gonfiore al collo, mal di gola, bruciore o lesioni nel cavo orale, raucedine, deglutizione dolorosa e fastidiosa e conseguente malnutrizione e dimagrimento, naso chiuso da una narice e/o sanguinamento dal naso, mal d’orecchie. In presenza – conclude il Prof. Valentini – di uno di questi sintomi che perdurano per almeno tre settimane, non bisogna perdere tempo e chiedere subito un consulto medico. L’invito è quindi ad usufruire dell’opportunità dei video consulti che metteremo a disposizione durante la campagna Make Sense: un controllo ed una diagnosi precoce possono salvare la vita”.

Quest’anno l’iniziativa Tieni la testa del collo ha ricevuto i patrocini di: Associazione Italiana Laringectomizzati (AILAR Onlus), Associazione Italiana di Radioterapia ed Oncologia Clinica (A.I.R.O.), Associazione Italiana Universitaria Otorinolaringologi (AUORL), Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG) e Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (FNOMCeO). Inoltre, sono stati richiesti i patrocini del Ministero della Salute, di SICMF e SIOeChCF.

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni