BERLINO - Le alterazioni patologiche tipiche della malattia di Alzheimer sono state significativamente ridotte nei topi dal blocco di un trasmettitore del sistema immunitario. Lo studio, condotto da un team di ricerca tedesco, è stato pubblicato su Nature Medicine.


Il Prof. Frank Heppner del Dipartimento di Neuropatologia dell’Università medica Charité  di Berlino e il suo collega Prof. Burkhard Becher dell'Istituto di Immunologia Sperimentale presso l'Università di Zurigo sono riusciti a dimostrare che la disattivazione di particolari citochine (trasmettitori del segnale del sistema immunitario) hanno  ridotto il tipico deposito di beta amiloide nei topi affetti dalla malattia di Alzheimer. La disattivazione è avvenuta mediante la somministrazione di un anticorpo neutralizzante specifico p 40.

La scoperta pare quindi di grande interesse anche per gli esseri umani. Dovranno quindi essere condotti dei test di sicurezza e in seguito potranno essere avviati dei test clinici sull’utilizzo dell’anticorpo nei pazienti umani affetti da Alzheimer.


 

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni