Il CAD106 è stato realizzato in Svezia e sperimentato su 58 pazienti

Questa volta sembra che il vaccino funzioni. Si tratta di CAD106, nuovo trattamento in grado di attivare le difese immunitarie dell’organismo contro il beta amiloide. E’ stato realizzato dagli scienziati del Karolinska Institutet di Stoccolma e pubblicato su The Lancet Neurology. Il vaccino in questione è in grado di attaccare alcuni globuli bianchi che colpiscono il tessuto cerebrale solo dove serve. Grazie a una particolare modifica, infatti, il vaccino è in grado di attivare le difese immunitarie solo nei confronti della proteina beta amiloide, che nell’Alzheimer è prodotta in quantità talmente eccessive da intossicare i neuroni.

Secondo il team scientifico, coordinato dal prof. Bengt Winblad, ben l’80 per cento dei pazienti ha sviluppato i propri anticorpi protettivi contro la beta-amiloide senza subire effetti collaterali. Lo studio ha monitorato i pazienti per 3 anni. I ricercatori ritengono quindi che il vaccino CAD106 sia un trattamento tollerabile per i pazienti con forma lieve o moderata di Alzheimer.

Per confermare l’efficacia del vaccino però dovranno essere condotti ulteriori trial  su grandi numeri di pazienti.Lo studio in questione è stato finanziato alla casa farmaceutica svizzera Novartis.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni