Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare L’ #emofilia viene spesso chiamata "malattia dei re" perché a cavallo tra il XIX e il XX secolo colpì le famiglie reali europee. Da allora tante cose sono cambiate. #EmoFacts “Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia” 9 Marzo 2020, Roma bit.ly/2sJNZHo pic.twitter.com/rxb8MbiGsh
About 14 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Grazie ad un lavoro di squadra tra specialisti del @bambinogesu e dell’Ospedale di Circolo di Varese, sono state scoperte due rarissime malattie genetiche in tre bambini italiani. bit.ly/2uUhTJG
5 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Arriva l’autorizzazione al commercio per il farmaco destinato al trattamento dell’ #osteoporosi . La terapia è in grado sia di aumentare la formazione ossea che di ridurre la perdita di massa ossea. bit.ly/35UW7m0
5 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare La diagnosi di #SMA è un momento delicato. Simona Spinoglio, coordinatrice del numero verde di @FamiglieSMA , racconta l’importanza di una presa in carico globale. Guarda l’intervista! bit.ly/2TDZ7kn #GiochiamodiAnticipo #ScreeningNeonatale pic.twitter.com/UgarBVewWJ
6 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Condividi l’appello di Valentina, mamma di Riccardo: “Mi piacerebbe sapere se in Italia ci sono altri bambini con mutazione del gene HUWE1”. #HUWE1Gene La sua storia e le info per inviare la segnalazione bit.ly/3abhUJx
7 days ago.

La vicepresidente del Senato Paola Taverna ha portato venerdì scorso il tema all’attenzione dell’assembla OSCE, dove ha ricevuto amplissimo consenso

La nomina a vicepresidente del Senato e poi a membro della delegazione italiana dell’OSCE, l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, non le hanno fatto dimenticare uno dei temi che da sempre le stanno più a cuore: la diagnosi precoce delle malattie rare e la relativa presa in carico. Paola Taverna, di lei stiamo parlando, prima firmataria della Legge sullo Screening Neonatale Metabolico Allargato (Legge 167/2016), venerdì scorso ha portato proprio questo tema all’attenzione dell’Assemblea Parlamentare OSCE, organismo che ha l’obiettivo di promuovere un maggiore coinvolgimento dei Parlamenti nazionali dei diversi Paesi membri.

La senatrice Taverna già nei mesi scorsi aveva lavorato fianco a fianco con altri colleghi europei per sensibilizzarli e giungere ad un testo largamente condiviso, che era stato votato all’unanimità dalla Commissione generale Democrazia, Diritti umani e Questioni umanitarie dell'OSCE. Ieri, questa stessa risoluzione (scarica qui) è stata presentata all’Assemblea Parlamentare OSCE di Lussemburgo e, approvata, è divenuta parte della Dichiarazione finale e quindi posizione ufficiale dell'Organizzazione sul tema (clicca qui per consultare la Dichiarazione finale).

L’intervento della Sen. Taverna (che può essere seguito qui) ha riscosso un successo enorme, sia per quello che l’Italia ha già fatto in soli 3 anni, una vera eccellenza ormai riconosciuta in ambito internazionale, sia per la volontà, chiaramente espressa dalla Senatrice, di non fermarsi, ma di ricercare “il traguardo più ambizioso di diffondere la cultura dello screening neonatale a livello internazionale, perché si tratta di un obiettivo di sviluppo sociale e fa male pensare che un bambino possa essere destinato alla disabilità o alla morte solo perché non ha avuto la fortuna di nascere ‘nella parte giusta del mondo’, in un Paese che non offre ancora questa opportunità. L’area OSCE può essere lo spazio giusto per creare una sensibilità e una pratica comune a riguardo, un quadro normativo armonico sul tema dello screening. Grazie all’approvazione di questa risoluzione, l’Assemblea invita gli stati aderenti che fanno parte dell’UE a cercare di creare un quadro legislativo uniforme in tutta l'Unione Europea e che tenga conto dei vantaggi dell’individuare, con lo screening neonatale allargato, il più ampio numero possibile di malattie rilevabili alla nascita e curabili”.

Per approfondimenti, leggi la notizia su Osservatorio Screening Neonatale.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 

Multichannel Project Partner

logo fablab

La partnership OMaR/CGM fablab ha come obiettivo l'ideazione e realizzazione di progetti di comunicazione, rivolti a pazienti, medici e farmacisti, che uniscano la competenza scientifica specializzata di OMaR agli esclusivi canali digitali di CGM.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni