Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Ritardo di sette anni della progressione della malattia per le persone con #sclerosimultipla primariamente progressiva (SMPP) e mantenimento di un basso numero di lesioni per le persone affette da sclerosi multipla recidivante. I nuovi dati sulla terapia: bit.ly/2yzmKl8 pic.twitter.com/kW4cAwry6T
About 21 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Francesco Cucuzza, consigliere #FedEmo , ha conosciuto i due mondi dell' #emofilia : quello precedente all'avvento dei nuovi farmaci e quello attuale, in cui i millennials “possono condurre una vita paragonabile ai giovani non emofilici”. #Haemodol bit.ly/2lo7G0h pic.twitter.com/VfrOgwyuhN
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Il dolore si può trattare correttamente e addirittura prevenire. Proprio per questo nasce il progetto #Haemodol , una nuova alleanza tra esperti: bit.ly/2MJR2EA Più del 50% dei pazienti con #emofilia convive col dolore cronico. Tutti i numeri in questa #infografica pic.twitter.com/yRmUlKIlsj
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Proprietà terapeutiche della #cannabis : @WHO avvia il percorso di revisione. Lo annuncia l' @ass_coscioni , presente alla sessione dedicata a Ginevra. bit.ly/2tgyxQ3 pic.twitter.com/Ag9and5rE2
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Generationnow , cambiamento e evoluzione dei medici millennials nell’era dell’integrated care. Domani a Milano la presentazione del progetto ideato e sviluppato da @havaslifeitaly con il partner @IpsosItalia e realizzato con il supporto di @SanofiIT . bit.ly/2HYK7E3 pic.twitter.com/ycfXjVvF4V
1 day ago.

In occasione dell’assemblea annuale dell'American Academy of Neurology (AAN), Bayer, Biogen, Merck KGaA e Novartis hanno presentato i risultati di quello che finora si configura come lo studio osservazionale prospettico di più ampia portata mai condotto su donne incinte sottoposte a terapia con interferone beta (IFN-beta), un farmaco indicato per il trattamento della sclerosi multipla. A prescindere dal trimestre di esposizione, l’esito della gravidanza non è stato compromesso dalla terapia con IFN-beta, né se assunto prima del concepimento, né durante la gravidanza stessa.

La sclerosi multipla viene diagnosticata a molte donne proprio nell’età in cui stanno pensando di costruire una famiglia. Avere ora a disposizione i dati dello studio che dimostrano come la terapia con interferone beta non comprometta né la gravidanza né il nascituro, è di enorme importanza”, ha dichiarato Fernando Duarte Caron, Responsabile Medical Affairs Neurology di Bayer. “I nuovi risultati vanno a colmare la lacuna informativa esistente riguardo la terapia con interferone beta nelle donne in gravidanza. Si tratta di un traguardo fondamentale per noi, perché l’interferone beta è indispensabile per molti pazienti affetti da sclerosi multipla, in quanto previene la progressione della malattia e ha effetti a lungo termine sul suo decorso”.

Oltre 25 anni di esperienza clinica hanno dimostrato che interferone beta 1B ha un buon profilo di sicurezza ed è ben tollerato, anche se i dati sul trattamento della sclerosi multipla con interferone beta fino alla gravidanza erano stati finora limitati.

Il Pregnancy Registry è uno studio prospettico osservazionale condotto a livello europeo da Bayer, Biogen, Merck KGaA e Novartis fra aprile 2009 e giugno 2017. Fino al 2015, a partecipare alla ricerca erano state solo donne a cui era già stata diagnosticata la sclerosi multipla e sottoposte a una delle terapie approvate con IFN-beta prima del concepimento o durante la gravidanza. Dal 2015, il Registry ha coinvolto anche donne sottoposte a trattamento con IFN-beta senza la diagnosi di sclerosi multipla o gravidanza confermata da un medico, nonché donne incluse in appositi Programmi di Supporto ai Pazienti (PSP) identificate in modo prospettico.

Per l’intera durata dello studio, sono state coinvolte 2.447 donne incinte. L’esito della gravidanza è stato reso noto in 948 casi. I dati sugli esiti della gravidanza comprendono gravidanze extrauterine, interruzioni volontarie di gravidanza, aborti spontanei, morte fetale, feti nati morti o anomalie congenite.

Oltre l’80% (n=777/948) delle gravidanze si è concluso con la nascita di bambini senza anomalie congenite. Il 18% delle gravidanze è stato di natura extrauterina o si è concluso con un’interruzione volontaria, un aborto spontaneo, una morte fetale, un feto nato morto o un’anomalia congenita. La frequenza di aborti spontanei e di bambini nati con anomalie congenite è in linea con quanto rilevato nel resto della popolazione.

In conclusione, i dati complessivi del Pregnancy Registry europeo sulla terapia con INF-beta confermano il profilo favorevole di rischio/beneficio del trattamento della sclerosi multipla con interferone beta.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni