Secondo un articolo pubblicato sulla rivista specializzata “Neuro-Oncology”, il temozolomide (TMZ) avrebbe mostrato, nell'ambito di uno  studio italiano multi-istituzionale di fase II, di agire in modo efficace in pazienti in età pediatrica e in giovani adulti affetti da due forme tumorali a carico del Sistema Nervoso Centrale, precedentemente pretrattate in modo aggressivo: il medulloblastoma (MB) e il tumore neuroectodermico primitivo (PNET).
Temozolomide mostrerebbe, inoltre, un tollerabile profilo di tossicità.

Leggi la notizia completa su "Pharmastar" .

 

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni