Per ora si tratta di un test condotto solo sul modello animale

Un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Scienze Biomediche e NeuroMotorie (DIBINEM) dell’Università di Bologna ha recentemente condotto uno studio che sembra dimostrare come sia possibile, in un modello di topo, correggere le alterazioni cerebrali e le disabilità cognitive causate dalla sindrome di Down mediante l'impiego di una terapia prenatale a base di fluoxetina, un farmaco antidepressivo appartenente alla classe degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI).

Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista di neuroscienze “Brain”, è stato coordinato da Renata Bartesaghi, professore associato di Fisiologia presso la Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna.

Leggi la notizia completa sul sito Controcampus.it

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni