Dal 13 al 15 ottobre si è tenuto il convegno internazionale annuale del NIBIT – Network Italiano per la Bioterapia dei Tumori, organizzato dal dottor Michele Maio, direttore dell'Immunoterapia Oncologica del policlinico Santa Maria alle Scotte.

L'evento si è svolto nella splendida cornice di Rocca Salimbeni, sede storica di Banca Monte dei Paschi, dove sono stati presenti i più importanti oncologi del mondo che si sono confrontati su diversi temi tra cui la relazione tra genetica del cancro e immunoterapia, terapie immunologiche innovative su cancro del polmone, mesotelioma, melanoma, ed altri tumori solidi ed ematologici. Si terrà inoltre un confronto sulle attuali ricerche e sperimentazioni portate avanti dalle principali case farmaceutiche internazionali che si occupano di immunoterapia.

“Il meeting NIBIT – spiega Maio – nato a Siena e giunto ormai alla quattordicesima edizione, è un'occasione di confronto tra accademia, industria e agenzie regolatorie. Il Nibit – prosegue Maio – è infatti un network nato nel 2004 con l'obiettivo di  promuovere ed incrementare lo sviluppo clinico di nuove e più efficaci strategie di bioterapia del cancro grazie all'interazione scientifica, professionale ed operativa tra professionisti di vari settori, sviluppando anche iniziative informative per i pazienti oncologici su trials clinici attivi nel network”. Durante il meeting si è parlato anche di terapia cellulare e genica e dei nuovi checkpoint del sistema immunitario che  rappresentano bersagli futuri per l’immunoterapia. Ad oggi fanno parte del NIBIT numerosi gruppi di lavoro in rappresentanza di diverse istituzioni sanitarie, universitarie ed agenzie regolatorie nazionali che saranno presenti al meeting.

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni