GLASGOW (SCOZIA) – L’ipercolesterolemia familiare è una malattia tanto curabile quanto difficile da individuare. Ma i dati emersi nel corso dell’83esimo Congresso della European Atherosclerosis Society, che si è svolto a Glasgow dal 22 al 25 marzo, mostrano un quadro ancora più preoccupante del previsto.
Solo per 22 nazioni è stato possibile fare una stima dei pazienti diagnosticati, sulla base di una frequenza di 1/500 nella popolazione generale: nei circa 180 Paesi rimanenti, infatti, non esistono registri validi a livello nazionale e non sono dunque disponibili informazioni affidabili sul numero di individui con diagnosi di ipercolesterolemia familiare.

A guidare la classifica i Paesi Bassi con un sorprendente 71%, a seguire la Norvegia con il 43%, l’Islanda con il 19%, la Svizzera con il 13% e il Regno Unito con il 12%. Percentuali decisamente più ridotte per Spagna (6%), Belgio, Slovacchia e Danimarca (4%), Sudafrica (3%), Francia, Australia, Hong Kong e Taiwan (1%). L’Italia, insieme a Stati Uniti, Canada, Giappone, Brasile, Messico, Cile e Oman, scende addirittura sotto la soglia dell’1%.
Trovare il modo per sollevare queste percentuali è stato uno dei temi del dibattito, moderato dal Presidente dell’EAS, prof. Alberico Catapano, del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari dell’Università di Milano, e dal responsabile dell’EAS FH Studies Collaboration, prof. Kausik Ray, dell’Imperial College di Londra.

Proprio grazie al registro globale la EAS sarà in grado di migliorare la diagnosi: “Con la creazione del registro FH Studies Collaboration – ha spiegato il prof. Ray – si potranno approfondire le differenze fra ipercolesterolemia omozigote ed eterozigote, nonché le varie mutazioni, e promuovere un sistema di assistenza completo e uniforme”.
“La sinergia fra tanti paesi ci consentirà di raccogliere molti più dati”, ha aggiunto il prof. Catapano. “La FH Studies Collaboration dimostra che la società è in grado di raccogliere la sfida posta dalle esigenze cliniche non soddisfatte di questa comune condizione genetica”.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni