Il problema crescente del fenomeno di antibiotico-resistenza riguarda ora anche i pazienti affetti da fibrosi cistica. E’ questo che afferma il Professor Stuart Elborn della Queen's University di Belfast (nel Regno Unito), un'autorità internazionale nel campo della medicina respiratoria.
Se da un lato è vero che il trattamento antibiotico degli agenti patogeni (tra cui lo Staphylococcus aureus) nella fibrosi cistica ha determinato un aumento della speranza di vita dei pazienti, dall’altra è anche vero che tali agenti patogeni sviluppano una resistenza crescente a diversi principi attivi.

La situazione si sta facendo sempre più allarmante e per questa ragione- ha spiegato il Professor Elborn- è necessaria una maggiore ricerca, che punti a nuove strategie terapeutiche.

Lo studio, pubblicato su The Lancet ha valutato la resistenza antibiotica nella fibrosi cistica, i fattori che la influenzano e i meccanismi che portano a ciò, ma soprattutto hanno puntato i riflettori sulle future strategie di gestione della resistenza antibiotica in questa popolazione.

Leggi la notizia completa su Pharmastar.

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Gli Equilibristi. Come i Rare Sibling vivono le malattie rare

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni