Secondo i risultati ottenuti dai ricercatori della Columbia University Medical Center di New York l’impiego di inibitori della pompa protonica (PPI) per il trattamento delle manifestazioni polmonari della fibrosi cistica non produce gli effetti sperati.
Nello studio condotto dai ricercatori, 17 pazienti con fibrosi cistica e frequenti riacutizzazioni polmonari senza sintomi di reflusso gastroesofageo (GER), sintomo frequente nei pazienti con questa patologia,  sono stati trattati con esomeprazolo per un periodo di 36 settimane.

Dai dati ottenuti, i ricercatori hanno concluso che l’impiego di esomeprazolo non ridurrebbe né ritarderebbe le riacutizzazioni polmonari nei pazienti con fibrosi cistica.

 

Leggi la notizia completa su Pharmastar.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni