Buongiorno sono affetto da Sindrome di Marfan: con il Coronavirus sono da considerare maggiormente a rischio di altri? Grazie.
Amedeo

Risponde il Prof. Giuseppe Limongelli, Cattedra di Cardiologia all’Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli" di Napoli, AORN Azienda Ospedaliera dei Colli (Monaldi-Cotugno-CTO) di Napoli, Direttore del Centro di Coordinamento Malattie Rare della Regione Campania

Essere affetto dalla Sindrome di Marfan non comporta un maggiore rischio di complicanze legate ad infezione di Sars- CoV-2. Una piccola percentuale di pazienti con Sindrome di Marfan è affetto da una severa cardiopatia valvolare (generalmente mitralica), ed in questo caso il quadro clinico può essere instabile esponendo il paziente ad un potenziale maggior rischio in caso di infezioni respiratorie (come Sars-CoV-2).

 

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Per l'invio del Modulo è necessario prendere visione dell'Informativa e delle Avvertenze di rischio.

I campi segnati con asterisco (*) sono obbligatori
captcha
Ricarica

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni