Antonella Celano

Antonella Celano, presidente APMARR: “Ora auspichiamo che il Governo concretizzi con urgenza quanto previsto dal testo”

Roma – “L’approvazione unanime alla Camera, lo scorso 3 marzo, della mozione sulle malattie reumatologiche rappresenta un’importante presa di coscienza da parte delle Istituzioni dell’importanza e urgenza del tema, e una risposta da parte della politica alle attese di tutte le persone con patologie reumatologiche”, ha dichiarato Antonella Celano, Presidente APMARR (Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare) nel suo intervento alla conferenza stampa “Malattie reumatologiche – Società Scientifiche, Associazioni di pazienti e Politica insieme per una mozione approvata e condivisa”, che si è svolta il 7 aprile presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati.

Finora le patologie reumatologiche sono sempre state poco riconosciute a livello istituzionale e sociale, nonostante attualmente ne sia affetto circa il 10% della popolazione italiana”, ha spiegato Celano. “Si tratta di malattie croniche che condizionano fortemente la vita e la quotidianità degli oltre 5 milioni e mezzo di italiani che ne soffrono: basti pensare che sono la causa del 27% delle pensioni di invalidità erogate e di oltre 23 milioni di giornate lavorative perse annualmente. Purtroppo, il sistema assistenziale sconta ancora gravi lacune. Come emerso dalla prima Indagine Nazionale dell’Osservatorio APMARR-EngagemindsHUB, lo scorso anno una persona con patologia reumatologica su due non è mai riuscita a usufruire dei servizi di assistenza e cura sul territorio, sette persone su dieci non sono mai state contattate dal medico di medicina generale e dallo specialista per poter fare una visita di controllo e quattro persone su dieci denunciano i lunghi tempi di attesa per poter essere visitate da uno specialista. Le visite a domicilio sono risultate impossibili per il 70% dei malati reumatologici e nel 43% dei casi, per loro, non è stato possibile scegliere da quale specialista farsi visitare”.

La mozione – ha aggiunto Antonella Celano – ricopre i molteplici aspetti che impattano maggiormente sulla vita delle persone con patologia reumatologica e può garantire il miglioramento della presa in carico del paziente a tutto tondo e l’innovazione della ricerca e della formazione, rendendo più efficaci ed efficienti i servizi sanitari e sociali e l’inserimento e la permanenza nell’ambiente lavorativo. Auspichiamo pertanto che i suoi contenuti si traducano in breve tempo in atti concreti da parte del Governo: solo così si potranno apportare realmente benefici concreti a tutte le persone con malattie reumatologiche”.

“Il documento è il frutto di un importante sforzo partecipato di Istituzioni, associazioni di pazienti e Società Scientifica verso un obiettivo comune – ha concluso Celano – e riteniamo che debba rappresentare il primo passo di un percorso che dovrà portare all’apertura di una stagione di vera concertazione fra tutti i portatori di interesse dell’ecosistema della reumatologia”.

Sportello legale OMaR

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

7 Giorni Sanità

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Nico è così

"Nico è così" - Un romanzo che dà voce ai giovani con emofilia

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni