La Fda statunitense approverà presto il farmaco teduglutide per i pazienti adulti con sindrome da intestino corto (SBS). A darne la notizia è NPS Pharmaceuticals, Inc., produttrice del farmaco. La sindrome da intestino corto è una grave malattia dovuta alla mancata capacità del corpo di assorbire sufficienti liquidi e nutrienti attraverso il tratto gastrointestinale, spesso associata a complicanze potenzialmente letali (danni al fegato, problemi vascolari).

Teduglutide potrebbe quindi rappresentare una terapia efficace per questi pazienti, che attualmente non dispongono di alcun farmaco approvato per questa indicazione. Si tratta di un analogo ricombinante del peptide GLP-2, coinvolto nella normale funzione intestinale.

La richiesta di approvazione del farmaco si basa su uno studio che ha coinvolto 566 pazienti trattati con teduglutide, con buoni risultati clinici.

 

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni