Buongiorno Dottore. A febbraio 2022 ho scoperto di aver contratto il CMV da prima infezione con valori di igm e igg sui 70 ed ero incinta di 9 settimane. A giugno in seguito esito amniocentesi ho scelto di interrompere la gravidanza. CMV su dna era negativo a partire da fine Aprile. A luglio ho rifatto gli esami del cmv igg 57 u/ml ( >14 positivo) e IgM 56.30 ( >22 positivo). A settembre ho rifatto gli esami del cmv igg 54.10 - igm 52.30 con test di avidità IgG 0.345 ( > 0.250 alta). Io sto cercando una nuova gravidanza, dovrei fermarmi o non corro rischi essendo che i valori stanno diminuendo? La ringrazio e sono molto preoccupata.

Chiara

RISPONDE il Prof. Giovanni Nigro, Pediatra Virologo, esperto di CMV pre e postnatale

Chiara, purtroppo sarebbe opportuno attendere la negativizzazione delle IgM e un'avidità più elevata. Poichè le IgM possono persistere per molto tempo, le consiglio almeno di effettuare la ricerca del CMV DNA nel sangue e nel tampone vaginale, prima del concepimento.

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Per l'invio del Modulo è necessario prendere visione dell'Informativa e delle Avvertenze di rischio.

I campi segnati con asterisco (*) sono obbligatori
captcha
Ricarica

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni