Buonasera, mia moglie ha effettuato le analisi alla nona settimana, e il CMV ha i seguenti valori (21-05-2020): IgG 500 UI/ml (negativo 1) IgM 4,480 UI/ml (negativo 1). Tuttavia, già durante la scorsa gravidanza, 4 anni fa, le IgG erano positive, con gli stessi valori di riferimento (stesso laboratorio): IgG 500 UI/ml (20-07-2015) IgM 484,50 UI/ml (13-01-2016). Il ginecologo ha chiesto il test di avidità, ma già da questi risultati pregressi, si può dire che si tratta di infezione non primaria? Quali consigli ci darebbe nel proseguo?

Salvo

RISPONDE il Prof. Giovanni Nigro, Pediatra Virologo, esperto di CMV pre e postnatale

Salvo, questi risultati depongono per una vecchia infezione che non ha evidenziato segni di attività. Per prudenza, potrebbe ripetere IgG e IgM tra un mese.
Cordiali saluti ,

Prof Giovanni Nigro

Clicca qui per conoscere le norme di prevenzione di base del cmv. 

Per saperne di più vai alla sezione CITOMEGALOVIRUS CONGENITO.

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Compila il modulo sottostante per un parere dell'Esperto

Per l'invio del Modulo è necessario prendere visione dell'Informativa e delle Avvertenze di rischio.

I campi segnati con asterisco (*) sono obbligatori
captcha
Ricarica

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Partner Scientifici

Media Partner



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni