Sclerosi Multipla




Sclerosi Multipla: l’utilizzo dell’oligonucleotide antisenso ATL1102 riduce l’attività associata alla malattia
Autore: Redazione,  31 Ott 2014   

Secondo i risultati di uno studio, pubblicato sulla rivista on-line Neurology, dopo 8 settimane di trattamento con ATL1102 – un oligonucleotide antisenso- i pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente (RRSM) mostrano una significativa riduzione dell’attività di malattia.
ATL1102 è un oligonucleotide antisenso che colpisce in modo selettivo CD49d (subunità alfa dell’integrina alfa-4 [VLA-4]) e, oltre a ridurre l’attività di malattia, è generalmente ben tollerato.

Leggi tutto...
 
Sclerosi Multipla: il trattamento con glatiramer acetato ripristina la normale funzione delle cellule-B
Autore: Redazione,  24 Ott 2014   

Secondo i risultati di una ricerca pubblicata su JAMA Neurology il trattamento con glatiramer acetato, nei pazienti i affetti da sclerosi multipla (SM), rimodella la composizione del compartimento cellulare B e influenza la secrezione delle citochine e la produzione di immunoglobuline. Questi risultati dimostrano che la terapia con glatiramer acetato influisce su diversi aspetti della disregolazione della funzione delle cellule B nella SM e che tali aspetti possono coadiuvare i meccanismi terapeutici del farmaco.

Leggi tutto...
 
Sclerosi Multipla: bluetooth, connessione Usb e design semplificano la terapia con Betaferon
Autore: Redazione,  22 Set 2014   

Bayer presenta il nuovo autoiniettore BETACONNECT

Diventa finalmente automatizzata e interamente elettronica – grazie all’autoiniettore BETACONNECT – l'iniezione di Betaferon per chi è affetto da sclerosi multipla: un nuovo approccio che aiuterà i pazienti a migliorare l’aderenza al trattamento. La nuova tecnologia offre infatti una personalizzazione dell’iniezione attraverso promemoria di iniezione visivi e sonori e la possibilità di modificare la profondità e la velocità di iniezione in base alle esigenze del paziente. Inoltre, i pazienti avranno la possibilità di condividere le loro informazioni di iniezione elettronicamente e in tempo reale con gli operatori sanitari attraverso la tecnologia Bluetooth o USB. La possibilità, poi, di collegarsi via Bluetooth è una caratteristica unica di BETACONNECT, non essendo attualmente disponibile in altri autoiniettori per il trattamento della patologia.

Leggi tutto...
 
Sclerosi multipla: Genzyme al Congresso ECTRIMS 2014
Autore: Redazione,  19 Set 2014   

Secondo una notizia apparsa su Multiple Sclerosis News Today la società farmaceutica Genzyme (Sanofi) ha presentato al 30° Congresso del Comitato Europeo per la Ricerca e la Cura nella Sclerosi Multipla (ECTRIMS), tenutosi a Boston tra il 10 e il 13 settembre scorso, la sua nuova pipeline rivolta al trattamento della patologia.
Al congresso sono stati presentati gli ultimi risultati degli studi di estensione CARE-MS 1 e CARE MS 2 su Lemtrada (alemtuzumab) e i risultati degli studi condotti su Aubagio® (teriflunomide), tra cui quello pubblicato recentemente su The Lancet.

 
Sclerosi Multipla: nuove conferme per fingolimod
Autore: Redazione,  12 Set 2014   

Secondo l’annuncio dato dall’Azienda farmaceutica Novartis sono ormai più di 100.000 i pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) che, nel mondo, vengono trattati con fingolimod. Fingolimod è un farmaco assunto per via orale la cui efficacia e tollerabilità sono state dimostrate in diversi trial clinici.
Queste le parole di Carlo Pozzilli, Professore Ordinario di Neurologia, Sapienza Universita' di Roma e Responsabile del Centro Sclerosi Multipla, Azienda Ospedaliera S.Andrea di Roma: “Le evidenze sulla sua efficacia e tollerabilità sono consolidate e arrivano da studi clinici registrativi che sono in fase di estensione I risultati a dieci anni dimostrano che fingolimod è in grado di rallentare la progressione della malattia. La Risonanza Magnetica ha evidenziato la riduzione di nuove lesioni e il rallentamento del processo di atrofia cerebrale".

Leggi tutto...
 
Sclerosi Multipla: alla dott.ssa Silvia Rossi il premio per la migliore pubblicazione scientifica
Autore: Redazione,  15 Ott 2014   

La Dottoressa Silvia Rossi è la vincitrice della terza edizione dell’Award per la migliore pubblicazione scientifica sulla ricerca clinica nella Sclerosi Multipla (SM), promosso dalla Società Italiana di Neurologia (SIN) con il contributo di Merck Serono S.p.A. L’annuncio è stato dato durante il XLV Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia (SIN) che si è concluso ieri a Cagliari.
Silvia Rossi, neuroscienziata che ha conseguito nel 2011 il Dottorato in Neuroscienze presso l’Università Tor Vergata di Roma, si aggiudica la terza edizione dell’Award SIN con la pubblicazione dal titolo “Opposite Roles of NMDA Receptors in Relapsing and Primary Progressive Multiple Sclerosis”, pubblicata su PLoS One.

Leggi tutto...
 
Sclerosi multipla: il futuro è staminale. Buoni i primi risultati del progetto Mesems
Autore: Redazione,  19 Set 2014   

Da quanto si legge sul sito del Sole 24 Ore, sembra assolutamente promettente il trattamento a base di cellule staminali mesenchimali per la cura della sclerosi multipla, testato su 81 pazienti, di cui 28 italiani, grazie al progetto internazionale Mesems, che si concluderà nel 2016, e che è coordinato dal neurologo Antonio Uccelli dell'Università di Genova. I risultati sono stati annunciati a Boston al Congresso mondiale sulla patologia. Il coordinamento del progetto è tutto italiano, ma coinvolge ricercatori di Spagna, Francia, Inghilterra, Svezia, Danimarca, Svizzera, Canada e Australia. Nel dettaglio, Mesems è il primo studio internazionale di fase II, effettuato in doppio cieco e impegnato a sperimentare la sicurezza di un trattamento con cellule staminali mesenchimali su pazienti con sclerosi multipla.

Leggi tutto...
 
Sclerosi Multipla, la terapia con alemtuzumab dimostra risultati a lungo termine
Autore: Redazione,  12 Set 2014   

Cambridge, Mass. 12 settembre 2014 – Genzyme, Società del Gruppo Sanofi, annuncia nuovi positivi risultati relativi al secondo anno di estensione dello studio di alemtuzumab nella sclerosi multipla. Tra i pazienti che, negli studi clinici di fase III CARE-MS I e CARE-MS II, erano stati trattati con alemtuzumab mediante due cicli annuali - il primo all’inizio dello studio e il secondo 12 mesi più tardi - i tassi di recidive e l’accumulo della disabilità rimangono bassi.
Circa il 70% dei pazienti trattati con alemtuzumab negli studi pivotal non ha ricevuto alcun ulteriore trattamento durante il secondo anno di estensione dello studio e non si sono evidenziate nuove e diverse indicazioni sulla sicurezza del farmaco.
I nuovi dati su alemtuzumab sono stati presentati ieri durante il Congresso ECTRIMS (Commissione Europea per la Ricerca e il Trattamento della Sclerosi Multipla) a Boston.

Leggi tutto...
 
Sclerosi Multipla, costa 38.000 euro all'anno per paziente
Autore: Matteo Mascia,  11 Set 2014   

Pubblicati i dati delle ricerche AISM, 2,5 miliardi la spesa complessiva

Un preciso studio patrocinato dall'Associazione italiana sclerosi multipla ha spiegato quante risorse deve impiegare il Sistema sanitario per il contrasto della malattia. Il costo medio annuo è di 38mila euro a persona a cui si sommano 15 mila euro di costi intangibili. Il costo sociale annuo per il 2011 è stato stimato di 2,5 miliardi di euro. Numeri contenuti in un articolo pubblicato dalla rivista internazionale Neurological Science.
La ricerca è stata condotta dalla Aism e dalla sua Fondazione in collaborazione con le Università di Genova, Pavia e Siena, ed è stato finanziata dal ministero della Salute.

Leggi tutto...
 


Pagina 1 di 26

Video storia


Firma anche tu la Prima Carta Europea del Paziente IPF! www.ipfcharter.org

Orphanet-Newsletter

OrphaNews Europe, il bollettino quindicinale del Comitato dell’Unione Europea di Esperti in Malattie Rare (EUCERD), è ora anche in Italiano, grazie all’impegno di Orphanet Italia, al supporto di Genzyme Italia e alla collaborazione di MediArt promotion. Qui maggiori informazioni.

Segui O.Ma.R anche su

Blog Malattie Rare

Telemeditalia



Informazioni Mediche

Tutte le informazioni presenti nel sito non sostituiscono in alcun modo il giudizio di un medico specialista, l'unico autorizzato ad effettuare una consulenza e ad esprimere un parere medico.

Condividi

Facebook Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 

Seguici su...

Seguici su Facebook Facebook