Italian English French Spanish

Cat OylerCat Oyler, dirigente della casa farmaceutica Johnson & Johnson, ha scoperto di essere nata con un difetto cardiaco mai diagnosticato, e questa esperienza le ha fatto capire l'importanza del suo lavoro al servizio della salute

New Brunswick (U.S.A.) – Il 9 aprile scorso, Cat Oyler ha corso una mezza maratona e tre giorni dopo si è sottoposta a un intervento chirurgico al cuore. Per anni, nonostante si allenasse quasi tutti i giorni – spesso due volte al giorno – non è mai stata in grado di percorrere più di un chilometro e mezzo in 10 minuti. “Non importa quanto a lungo o duramente mi alleni, quando cerco di aumentare il ritmo ho difficoltà a respirare. Ma ogni volta che ho parlato con un medico, mi ha mandato a casa con un certificato di buona salute, quindi sono arrivata a credere che quello fosse il meglio che potessi fare”, ha raccontato la donna, dirigente della casa farmaceutica americana Johnson & Johnson.

Poi, un giorno, mi sono trovata a respirare a fatica. Mi sembrava di avere un'incudine sul petto e quando ho cercato di fare un respiro profondo, era come se degli elastici intorno al mio petto impedissero ai polmoni di espandersi. Sono andata al pronto soccorso, dove mi hanno fatto un elettrocardiogramma e un ecocardiogramma, ed entrambi sono risultati anomali”.

Tuttavia, i medici non si sono preoccupati più di tanto e l'hanno mandata a casa. Quando ha raccontato l'accaduto ai suoi genitori, le hanno ricordato di essere nata con un soffio al cuore, che i medici pensavano fosse poi scomparso. Pochi giorni dopo, un collega di Cat ha capito che poteva trattarsi di qualcosa di serio e l'ha messa in contatto con il Boston Adult Congenital Heart (BACH) presso il Boston Children's Hospital, che è dotato di un gruppo di medici specializzati negli adulti con difetti cardiaci congeniti. Lì una risonanza magnetica ha rivelato che la donna è nata con un difetto del setto atriale, un piccolo foro tra l'atrio sinistro e quello destro che, in effetti, è associato a soffi al cuore.

Negli Stati Uniti nascono con questa condizione circa 2.000 bambini ogni anno. In molti di loro, il foro è abbastanza piccolo da chiudersi spontaneamente, mentre in altre persone, come Cat, è più grande e non si chiude, permettendo al sangue di scorrere all'interno del cuore nel verso sbagliato. I sintomi possono includere respiro affannoso, stanchezza e intolleranza all'esercizio fisico. Cat li aveva tutti, ma sono sintomi abbastanza vaghi, quindi non si è resa conto che qualcosa non andasse. Neppure i medici li hanno riconosciuti, perché sono difficili da diagnosticare, specialmente in un pronto soccorso rumoroso e in un paziente in forma e attivo come lei.

Per fortuna, il rimedio è stato relativamente semplice: un cardiologo interventista ha infilato un catetere attraverso una vena della sua gamba fino al cuore, quindi ha inserito un dispositivo in nichel-titanio che si blocca attorno ai bordi del foro e, se tutto va bene, le sue cellule cresceranno sul dispositivo e il rimedio sarà permanente. Sorprendentemente, è stata in ospedale solo per una notte ed è tornata al lavoro dopo pochi giorni.

Per coincidenza, nell'ultimo anno, Cat Oyler ha guidato una squadra all'interno di Janssen Research & Development, parte della famiglia di aziende di Johnson & Johnson, che sta lavorando per trasformare la salute umana attraverso la prevenzione, l'intercettazione e la cura delle malattie. Questa ambiziosa strategia è chiamata 'World Without Disease', un 'Mondo Senza Malattie'.

“L'idea chiave che abbiamo acquisito è che, in molti modi, le nostre auto hanno una migliore assistenza rispetto a noi. Se pensiamo a un futuro in cui controlliamo e preveniamo i problemi, possiamo iniziare a trasformare la salute umana. In questa visione futura, come nelle automobili di oggi, dei sensori monitoreranno costantemente tutti gli aspetti della nostra salute, a partire dalla nascita. Appena qualcosa comincia a deviare dal nostro stato di salute, avremo un allarme nel nostro corpo – come la spia 'controllare il motore' per le automobili – così da sapere che è tempo di vedere un medico”, ha spiegato Cat.

“Se avessi avuto questa spia, sarebbe stata accesa da quando sono nata! Una volta che abbiamo questo sistema di allerta precoce, molte malattie e alcune lesioni possono diventare evitabili. Semplicemente sapendo chi è a rischio di una malattia, possiamo essere in grado di intervenire precocemente, scongiurandola prima ancora che si manifesti. Nel caso in cui non sia possibile prevenire alcune malattie, la diagnosi precoce permetterà ai medici di intercettarle e trattarle nella loro fase più curabile. E forse, attraverso nuove combinazioni di farmaci, la chirurgia e altri trattamenti, potremmo essere in grado di curare malattie a uno stadio ancora più avanzato. Puntando sulla prevenzione, la diagnosi e le cure, possiamo mantenere le persone in salute o restituirgliela. Non è ciò che tutti vogliamo?”, prosegue Cat Oyler.

“Scoprire che ho avuto un difetto del setto atriale per tutta la vita – e che è passato inosservato fino ad ora – rafforza la mia convinzione sull'importanza del nostro approccio a un Mondo Senza Malattie. Johnson & Johnson si trova nella posizione ideale per riunire consumatori, dispositivi medici e competenze farmaceutiche per trasformare la salute umana, ma non possiamo farlo da soli. Ci sarà bisogno di innovazione, investimenti e sostegno da parte dei gruppi a difesa dei pazienti, degli operatori sanitari, degli enti regolatori e di altre industrie. L'intero ecosistema sanitario deve collaborare per immaginare e rendere possibile questo futuro più sano”, conclude Cat. “Una volta che sarò guarita, e una volta che la mia 'spia del motore' si sarà spenta, mi allenerò per un'altra mezza maratona. E sto pensando di correrla molto più velocemente”.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

GUIDA alle esenzioni per malattie rare

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Amedeo Cencelli, 59 - 00177 Roma | Piva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan





Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni