Ipofosfatemia

Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Il nuovo farmaco per la #Leucemia mieloide acuta ad alto rischio, da oggi disponibile in Italia, ha ottenuto da #AIFA il requisito dell’innovazione terapeutica assoluta. bit.ly/31f1XvW pic.twitter.com/KdBf1YxPI9
About 9 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare La presenza di materiale particolato non sembra avere alcuna ripercussione sul profilo rischio/beneficio del farmaco indicato per il trattamento dell’ #emofilia . Le rassicurazioni di #AICE . bit.ly/33vKUrf pic.twitter.com/FhcPO0UVB8
About 15 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Acidosi tubulare renale distale, l’impatto della patologia e le nuove prospettive terapeutiche. Guarda l’intervista al dott. Claudio La Scola Policlinico S.Orsola - Malpighi e alla dott.ssa Francesca Taroni @policlinicoMI www.youtube.com/watch?v=J-1wFphX684
About 16 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Nuove prospettive per la cura della fibrosi polmonare idiopatica. Lo studio coordinato da esperti della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS. #IPF bit.ly/2OuWfUi
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Cerimonia di premiazione della IV edizione del Premio AINET. Vincitrice del "Premio per le donne... dalle donne 2019” categoria “Migliore idea”: @ilariacbartoli Congratulazioni direttore! bit.ly/2Mww2lA pic.twitter.com/5pAUt3e4Wd – presso Museo San Francesco Montefalco
2 days ago.

In due bambini trattati, l'ipertrofia cardiaca è regredita e i parametri di laboratorio sono risultati costantemente nella norma

Montreal (CANADA) – Bassa statura, dismorfismi facciali, difetti cardiaci e ritardo nell’apprendimento: sono i sintomi della sindrome di Noonan, una rara malattia genetica che si verifica in un caso ogni 1.000-2.500 nati. Oggi per questa condizione si apre un nuovo scenario: un farmaco antitumorale, il trametinib, ha dimostrato di poter invertire la cardiomiopatia ipertrofica e l'ostruzione valvolare in pazienti con sindrome di Noonan associata al gene RIT1. Lo studio, pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology. è stato condotto dai ricercatori dell'Università di Montreal e del CHU Sainte-Justine Research Center, il più grande centro materno-infantile del Canada.

La sindrome di Noonan è evidente alla nascita per l'insieme delle manifestazioni congenite che determina, ed è spesso legata a una grave cardiopatia a esordio precoce. In circa la metà dei casi la malattia è dovuta a una mutazione del gene PTPN11, che codifica la sintesi dell’enzima tirosin-fosfatasi, coinvolto in numerosi processi di sviluppo dell’embrione. Nell'altra metà dei casi, i geni responsabili sono diversi, ma tutti coinvolti nella trasduzione del segnale mediata dalla cascata di proteine RAS/MAPK: per questo motivo, la sindrome di Noonan appartiene alla classe di patologie note con il nome di RASopatie.

“Fino ad oggi, le opzioni terapeutiche si sono limitate all'intervento chirurgico, incluso il trapianto di cuore, e al trattamento farmacologico dei sintomi”, ha affermato l'autore dello studio, il dr. Gregor Andelfinger, cardiologo pediatrico del CHU Sainte-Justine e professore associato presso l'Università di Montreal. “Il trattamento con trametinib è il primo approccio mirato in modo specifico alla causa molecolare delle RASopatie. Anche se i nostri numeri sono ancora molto limitati, nello studio abbiamo riportato i primi casi di pazienti nei quali non solo siamo stati in grado di stabilizzare la cardiopatia, ma anche di invertirla: questi risultati aprono la strada a studi più ampi, che sono ora necessari”.

I bambini con meno di 6 mesi di età con sindrome di Noonan, cardiomiopatia ipertrofica e scompenso cardiaco hanno in genere una prognosi sfavorevole, con un tasso di sopravvivenza a un anno del 34%. Nel nuovo studio, il team canadese ha utilizzato il trametinib, un inibitore degli enzimi MEK1 e MEK2, per provare a trattare la malattia in due pazienti: i risultati si sono rivelati incoraggianti.

Dopo soli tre mesi dall'inizio del trattamento, i medici hanno infatti osservato un notevole miglioramento dello stato clinico e cardiaco, che si è mantenuto costante nel corso dei 17 mesi di terapia. In entrambi i pazienti l'ipertrofia del cuore era regredita e i parametri di laboratorio risultavano nella norma. Uno dei bambini, che ha richiesto la ventilazione, dovrebbe essere estubato dopo sei settimane di trattamento; entrambi, inoltre, hanno mostrato una migliore crescita generale dopo la somministrazione del farmaco.

“Le scoperte descritte in questo studio suggeriscono che una forma di cardiopatia potenzialmente letale che colpisce i neonati potrebbe essere curabile: se così fosse, sarebbe un fatto senza precedenti e di grande significato per le famiglie che devono affrontare questa condizione devastante”, ha commentato il dr. Bruce Gelb, direttore del Mindich Child Health and Development Institute presso l'Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York. “Ora abbiamo bisogno di eseguire una sperimentazione clinica adeguata per dimostrare con certezza che il farmaco funzioni per questo particolare problema”.

Nonostante lo studio si limiti a due soli pazienti, i ricercatori credono che l'inibizione degli enzimi MEK meriti ulteriori approfondimenti come opzione di trattamento per i pazienti affetti da RASopatie. La scoperta solleva inoltre importanti interrogativi, in particolare per quanto riguarda l'efficacia a lungo termine del farmaco e il suo eventuale impatto sulle altre manifestazioni della malattia.

A causa del ruolo rivestito degli enzimi MEK nel processo di segnalazione della crescita del cuore, Gregor Andelfinger ritiene che siano richiesti degli studi con un maggior numero di partecipanti per valutare gli effetti collaterali a lungo termine, il dosaggio e l'intervallo terapeutico ottimale, nonché per valutare questo trattamento in altri tipi di malattie cardiache. Si ipotizza che l'inibizione di MEK possa risultare più efficace durante una finestra temporale prefissata, prima dell'inizio del rimodellamento cardiaco irreversibile nelle RASopatie, compreso quello causato da geni diversi da RIT1.



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 

Multichannel Project Partner

logo fablab

La partnership OMaR/CGM fablab ha come obiettivo l'ideazione e realizzazione di progetti di comunicazione, rivolti a pazienti, medici e farmacisti, che uniscano la competenza scientifica specializzata di OMaR agli esclusivi canali digitali di CGM.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni