La sperimentazione con le staminali cerebrali per alcune malattie neurodegenerativa può cominciare, anche l’ultimo ostacolo – di ordine soprattutto burocratico – è stato superato: venerdì scorso il Comitato Etico della Regione Umbria ha infatti votato ampiamente a favore con 14 sì e solamente due astenuti. 

Il centro di eccellenza presso l'ospedale di Terni, guidato dal prof. Angelo Vescovi, dunque, nel giro di poche settimane potrà cominciare la sperimentazione clinica sull’uomo che in primo luogo riguarderà pazienti affetti da Sla. I pazienti da sottoporre alle cure verranno scelti da un organismo nazionale mentre tra i membri del comitato di controllo figura anche il Prof. Giulio Maira, primario a neurochirurgia dell'ospedale di Terni.    
Il sì del Comitato Etico è giunto dopo alcune polemiche esplose nel luglio scorso in seguito ad un intervento del ministro della salute, Ferruccio Fazio, il quale rispondendo alla Camera in un Question Time, aveva di fatto spronato il comitato etico regionale ad accelerare i tempi e non perdersi in lungaggini burocratiche. L'ultima riunione del Comitato ha rimesso a posto la situazione: la sperimentazione si può fare e comincerà al più presto

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni