Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare #Iperossaluria primitiva di tipo 1: pronto a partire lo studio di Fase III sul farmaco. I primi risultati saranno resi noti verso la fine del 2019 e se positivi, l'azienda presenterà le richieste per l'approvazione a partire dall'inizio del 2020. bit.ly/2xelqjU pic.twitter.com/ZNiWqTbelm
About 40 minutes ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare “Genitori acrobati tra realtà e progetto. Persone con disabilità in equilibrio tra diritto e possibilità”. La Summer School 2019 dell’Associazione @xfragileitalia che si terrà dal 26 al 30 giugno. #xFragile bit.ly/2YbRmS7 pic.twitter.com/qaV5MTmQV7
About 2 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Una vicenda che si tinge di giallo quella di Paolo Palumbo. Il più giovane paziente europeo colpito da #SLA non parteciperà alla sperimentazione e la famiglia denuncia la truffa. bit.ly/2XtEnOt pic.twitter.com/WQvyFC1tYa
About 3 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Clemente racconta la storia dei suoi due figli affetti da #MalattiaGranulomatosa cronica: dalle difficoltà diagnostiche al passaggio da un'assistenza incentrata sul bambino a una orientata sull'adulto. #Immunodeficienze bit.ly/2XtxNrk
1 day ago.

L’ipotesi è avanzata dai ricercatori della Johns Hopkins University

Su quali siano le cause della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) attualmente non esistono certezze, così come non esistono ancora cure in grado di guarire i malati o almeno bloccare la progressione del male. Solo per la forma familiare, che riguarda una bassa percentuale di casi, sono stati individuati i geni coinvolti; su cosa invece scateni la malattia del motoneurone nelle forme sporadiche, attualmente, ci sono solo ipotesi. Ora, uno studio condotto alla Johns Hopkins University, ne aggiunge una nuova: la riattivazione di un retrovirus chiamato HERV-K. I risultati, su cui c’è comunque molta cautela, sono stati pubblicati a gennaio sul January Annals of Neurology. Questo si sarebbe inserito nel genoma umano migliaia di anni fa dopo aver infettato i nostri antenati, nel tempo si sarebbe poi trasmesso, senza essere più contagioso, in una parte del genoma che gli scienziati considerano ‘DNA spazzatura’. Qualche cosa però, che gli scienziati non hanno ancora identificato, potrebbe spingerlo a riattivarsi producendo una proteina nota come trascrittasi inversa che già in passato era stata individuata, ma senza capirne la causa nel sangue dei malati. I ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine, guidati dal prof Avindra Nath, hanno voluto capire da cosa potesse derivare ed hanno così esaminato campioni di tessuto cerebrale di 62 persone: 28 di queste erano decedute per la SLA, 12 per patologie croniche o sistemiche come il cancro, 10 per cause accidentali e 10 erano affetti dal Parkinson al momento della morte. Utilizzando una tecnica nota come reazione a catena della polimerasi, i ricercatori hanno cercato un RNA messaggero (mRNA) che identificasse quali retrovirus erano stati attivi nei pazienti. Nei campioni delle persone con SLA e in quelli dei pazienti affetti da malattie croniche, la ricerca è arrivata a trovare trascritti mRNA che provenivano dal retrovirus endogeno umano K (HERV-K).
Quando Nath e i suoi colleghi hanno guardato più da vicino il mRNA, hanno visto che in queste due categorie di pazienti le trascrizioni sembravano provenire da diverse parti del genoma. Mentre i pazienti affetti da SLA tendevano ad avere le trascrizioni HERV-K presenti nelle aree circostanti la corteccia motoria del cervello - l'area interessata dalla malattia – negli altri pazienti le trascrizioni erano più diffuse in altre zone. Anche se i ricercatori esprimono cautela, i risultati, riportati nello studio, suggeriscono che il HERV-K potrebbe essere proprio il retrovirus legato alla Sla che i ricercatori stavano cercando.
"Questo studio non stabilisce rapporto di causalità al di là del livello di dubbio, ma fornisce alcuni collegamenti promettenti tra HERV-K e la SLA” ha detto Nath.
Ora il team ha in programma di studiare se il HERV-K può causare danno neuronale, e questo sarebbe un passo in più per collegare questo retrovirus con la  malattia. I ricercatori hanno anche intenzione di studiare quali fattori possono causare la riattivazione del retrovirus HERV-K in alcune persone e portare alla malattia.
Se tutto questo fosse confermato si aprirebbe una strade del tutto nuova che potrebbe portare a cercare proprio nei farmaci antiretrovirali specifici per HERV-K una terapia per questa malattia neurodegenerativa che al momento non ha cura.  






GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni