Ipofosfatemia

Iscriviti alla Newsletter

Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Le #malattierare non vanno in vacanza. Dall’on @RobBagnasco la richiesta indirizzata al @MinisteroSalute : approvare quanto prima il Piano Nazionale Malattie Rare e porre rimedio alle tante patologie non ancora riconosciute. bit.ly/30LkPmH
About 9 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #ScreeningNeonatale per la #SMA «Questo progetto può essere una grande spinta per l’estensione dello screening a livello nazionale. Un’iniziativa pregevole, grazie alla sinergia creatasi attorno a @famigliesma .» L’intervista a @tepetrangolini youtu.be/7PAl0oYIyXU pic.twitter.com/Rl0MIXTstH
About 11 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare I nuovi contatti di @VivalaVitaOnlus , l’associazione di familiari e malati di sclerosi laterale amiotrofica #SLA . bit.ly/30NvGwo
About 14 hours ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #HIV : autorizzata l’immissione in commercio in Europa per il primo regime a due farmaci. bit.ly/2Y00OHl
3 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare #Fibrillazioneatriale , in Italia stimati 1,9 milioni di casi nel 2060. La sua importanza è legata al fatto che essa aumenta di ben 5 volte il rischio di #ictus cerebrale. I risultati del Progetto FAI bit.ly/2xTiIkb
3 days ago.

La storia della famiglia di Irene, la Asl non passa i farmaci e non può pagare gli ausili necessari

Irene ha 26 anni,  è affetta dalla sindrome di Lennox Gastaut. La malattia è comparsa immediatamente, causandole frequentissime crisi epilettiche. La diagnosi è arrivata due anni dopo, e per molto tempo Irene è stata curata in Francia. Ora è seguita al centro neurologico del Besta di Milano, ma i suoi genitori Umberto e Daniela di Sarzana (La Spezia) sono in difficoltà, e faticano a prendersi cura della propria figlia a causa del mancato riconoscimento della sindrome nella lista delle malattie rare.
I genitori hanno spiegato ai microfoni di La Nazione la drammatica situazione:“Tra i 6 farmaci di cui Irene ha bisogno ogni giorno, c’è il Frisum: 4 compresse ogni 24 ore. Non solo l’Asl non lo riconosce (e si paga il prezzo intero) ma nelle farmacie della zona arrivano solo confezioni con capsule indivisibili. Per dare metà dose, bisogna andare in Svizzera o alla farmacia di Città del Vaticano. E tutto perché la sindrome Lennox Gastaut non è nella lista delle malattie rare. Abbiamo chiesto all’Asl di inserirla e ci hanno detto di andare noi a Genova, in Regione, a chiederlo.”

Il problema non è rappresentato solo dai farmaci, ma da tutti gli ausili di cui Irene ha bisogno, e che non vengono più mutuati dalla Asl. Irene continua ad avere frequenti crisi epilettiche e per non farsi male deve utilizzare delle sedie particolari, prodotte da una ditta di Reggio Emilia. I genitori andavano in Emilia, vedevano la sedia, l’azienda faceva le modifiche e alla fine pagava l’Asl. «Potevamo cambiare sedia ogni 5 anni ma l’ultima l’abbiamo tenuta 8. Ora bisogna cambiarla ma all’Asl l’appalto l’ha vinto una ditta veneta. Quelle sedie però non hanno i requisiti e non possiamo comprarle. E così siamo tornati a Reggio: la sedia costa 4.700 euro, l’Asl ne ha messi 2.700 e 2 mila noi».

Infine c’è il letto: “Irene resta a volte sdraiata settimane intere e ha bisogno di un letto che si alzi e si abbassi -conclude Umberto - ora si è rotta la manovella e abbiamo chiesto all’Asl se potevano ripararla. Hanno detto che ci avevano già dato le scarpe ortopediche. E così Irene non ha più diritto al letto nuovo. Ma le scarpe le servono per muoversi dentro il deambulatore, una sorta di girello” .
Oltre a tutto ciò, a causa dei tagli previsti dalla Legge la Asl può fornire solo due ricambi di pannoloni al giorno. Tutto il resto è a carico delle famiglie.

La sindrome di Lennox-Gastaut (LGS) fa parte del gruppo delle encefalopatie epilettiche gravi dell'infanzia. L'incidenza è stimata in 1/1.000.000/anno e la prevalenza in 15/100.000. Questa malattia, definita epilessia generalizzata criptogenica o sintomatica, è caratterizzata da tre sintomi: crisi epilettiche multiple, onde lente diffuse intercriptiche all'elettroencefalogramma durante la veglia, lieve ritardo mentale associato a disturbi della personalità. La malattia esordisce tra i 2 e i 7 anni. La sintomatologia clinica più caratteristica consiste in convulsioni toniche, convulsioni atoniche e assenze atipiche I sintomi nelle forme criptogeniche si manifestano in assenza di una precedente storia o di patologie cerebrali, mentre i casi sintomatici si associano a un danno cerebrale preesistente. I casi sintomatici si associano a asfissia perinatale, sclerosi tuberosa, postumi di meningoencefalite, displasia corticale, trauma cranico e, più raramente, tumori o malattie metaboliche.
Il trattamento  terapeutico è difficile in quanto la LGS è di solito refrattaria alla terapia convenzionale. Alcuni nuovi farmaci antiepilettici (Felbamato, Lamotrigine, Topiramato, Levetiracetam) si sono dimostrati efficienti nel controllo delle convulsioni nella malattia. Il Rufinamide ha ricevuto l'autorizzazione alla messa in commercio a livello Europeo nel gennaio del 2007. La LGS è una delle più gravi sindromi epilettiche dell'infanzia ed è refrattaria al trattamento. Si associa frequentemente al ritardo mentale.

Per ulteriori informazioni: Orphanet



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE (2019)

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esenti.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, ora aggiornata al 2019, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida (aggiornata ad aprile 2019).

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni