Secondo i dati di uno studio internazionale, pubblicati sulla rivista specializzata “Multiple Sclerosis Journal”, i pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante (RRSM) trarrebbero simile beneficio terapeutico dall'uso di teriflunomide e interferone-beta-1a (IFN-beta-1a).

Secondo i ricercatori dell'Université de Lille Nord de France e dei nostri connazionali Giancarlo Comi, del Centro di Neuroscienze dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, e Luigi M. E. Grimaldi, della Fondazione Istituto San Raffaele “G. Giglio” di Cefalù (PA), non si riscontra alcuna differenza, tra il trattamento con IFN-beta-1a e teriflunomide 14 mg, per quanto riguarda il tasso annualizzato di recidive (AAR).

Leggi la notizia completa su “Pharmastar.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni