A causare la maggior parte dei casi di malattia sarebbero le mutazioni del gene MLL2, i ricercatori ne hanno già individuate 33. Fino ad oggi non c'erano test genetici per fare la diagnosi.

Malformazioni, anche gravi, fin dalla nascita e difficoltà nella crescita, ritardo mentale da lieve a moderato e tratti facciali che ricordano quelli delle maschere del teatro giapponese, da cui prende il nome: è la sindrome di Kabuki, una malattia rara, circa un caso ogni 32.000 nati, su cui ancora non si sa molto e per la quale fino a ieri non esistevano test diagnostici certi. Un articolo appena pubblicato su Nature Genetic però sembra cambiare di molto il panorama attuale. Attraverso un test di sequenziamento del DNA infatti un gruppo di scienziati dell’Università di Seattle hanno scoperto un’alterazione genetica presente in sindrome è anche evidente dalla ricerca che le mutazioni individuate causano la maggior parte dei casi. Il test utilizzato per l’esattezza è il sequenziamento dell’exome, più veloce e meno costoso.

“È chiaro da questo lavoro che le nuove tecnologie di sequenziamento del DNA sono potenti e  sono strumenti efficaci che gli scienziati possono usare per accelerare la scoperta di geni coinvolti nelle malattie rare, un impegno che in precedenza era lento e costoso - ha detto il professor  Eric D. Green, direttore del National Human Genome Research Institute -NHGRI. Poter identificare rapidamente le mutazioni genetiche che causano più 6.000 le malattie rare è un importante passo avanti per i ricercatori che stanno cercando di capire la biologia di queste condizioni e quindi a migliorare strategie di cura per i pazienti ".
I ricercatori dell’Università di Washington lavorando sull’exome di 10 individui  hanno trovato delle varianti condivise che portano ad una perdita di funzionamento del gene chiamato MLL2 che normalmente codifica una proteina importante nella regolazione della cromatina, che lega il  DNA in una forma compatta. Cambiamenti nella struttura della cromatina sono associati con la replicazione del DNA e ‘accendono o spengono’ determinati geni. Una volta capito questo è stato fatto il sequenziamento utilizzando il più accurato metodo Sanger e alla fine i ricercatori hanno scoperto la mutazione del MLL2 nell’exome di 9 pazienti su 10.
I risultati sono stati poi convalidati mediante sequenziamento Sanger in 43 ulteriori casi di sindrome di Kabuki. Le mutazioni MLL2 sono state trovati in 26 dei 43 casi. Alla fine i ricercatori hanno distinto ben 33 mutazioni MLL2 presenti nel 66 per cento dei pazienti con la sindrome di Kabuki. I ricercatori hanno anche scoperto che in ognuno dei 12 casi per i quali il DNA da entrambi i genitori era disponibile, le varianti MLL2 trovate nel genoma dei pazienti non erano presenti nei genomi di entrambi i genitori.“ E 'chiaro che ci possono essere anche altri geni  che mutando causano la sindrome di Kabuki visto che circa un terzo dei casi non ha rivelato mutazioni MLL2 - ha detto il co-autore  il dottor Michael Bamshad, MD, professore di pediatria alla University of Washington -Per trovare questi, sarà importante la sequenza di altri exomes in cui la sindrome di Kabuki sia ben caratterizzata e non si vedano mutazioni MLL2".     
La ricerca è parte di un più grande tentativo di sequenziamento del DNA di seconda generazione che cerca di identificare attraverso nuove tecnologie i geni che causano le malattie rare. Il progetto è finanziato per 3.9milioni di dollari dall’American Recovery and Reinvestment Act. Singoli ricercatori del team sono stati anche sostenuti da sovvenzioni dal National Heart Lung and Blood Institute (NHLBI) e dal Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD).

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni