Isis Pharmaceuticals ha avviato uno studio di fase 3 per la valutazione di ISIS-APOCIIIRx nei pazienti con sindrome da chilomicronemia familiare (FCS).
FCS è una malattia rara, caratterizzata da livelli molto elevati di trigliceridi, che colpisce da circa 3.000 a 5.000 pazienti in tutto il mondo.
Lo studio di fase 3 di ISIS-APOCIIIRx è uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Avrà una durata di sei mesi e coinvolgerà 50 pazienti con diagnosi di FCS. Lo studio valuterà l'efficacia e la sicurezza di una dose di 300 mg (da assumere una volta a settimana) di ISIS-APOCIIIRx. L'endpoint primario della sperimentazione è il cambiamento nel livello dei trigliceridi a digiuno, rispetto al basale, dopo tre mesi di trattamento.

"FCS è una malattia genetica rara e molto grave che è spesso associata a livelli di trigliceridi superiori a 2.000 mg/dL. A causa dei loro livelli elevati di trigliceridi, i pazienti con FCS sono a rischio di sviluppare condizioni gravi per la salute, tra cui frequenti episodi di pancreatite che possono richiedere il ricovero in ospedale ed essere pericolosi per la vita. Le attuali opzioni di trattamento non riducono i livelli di trigliceridi sufficientemente da diminuire anche il rischio di insorgenza di malattia grave nei pazienti con FCS", ha detto Sotirios Tsimikas, Direttore di Medicina Vascolare presso l'Università della California e Vice Presidente del settore Sviluppo Clinico a Isis. "ISIS-APOCIIIRx offre un approccio terapeutico unico in quanto è stato progettato per ridurre i livelli di trigliceridi riducendo apoC-III, un importante regolatore della clearance dei trigliceridi. I dati di fase 2 supportano fortemente l’avanzare di ISIS-APOCIIIRx in studi di fase 3 in pazienti con elevati valori di trigliceridi come i pazienti FCS. "

In uno studio di fase 2 i pazienti FCS trattati con ISIS-APOCIIIRx hanno infatti sperimentato diminuzioni di trigliceridi superiori ai 1.500 mg/dL. Isis ha anche valutato ISIS-APOCIIIRx in un ampio programma di fase 2. In questi studi i pazienti con livelli molto elevati di trigliceridi, trattati con ISIS-APOCIIIRx, hanno raggiunto un sostanziale abbassamento dei trigliceridi (riduzioni medie fino al 71 per cento) e del livello di apoC-III (riduzioni medie fino al 88 per cento ), oltre ad un aumento di colesterolo HDL (aumenti medi fino al 78 per cento).

“Il nostro obiettivo è quello di portare ISIS-APOCIIIRx sul mercato per i pazienti con trigliceridi gravemente elevati. Questi pazienti vivono un rischio significativo per la loro salute perché non possono ridurre i trigliceridi entro i livelli di sicurezza con i farmaci attualmente disponibili. Siamo soddisfatti dei dati ottenuti dal nostro programma di fase 2, in cui i trigliceridi si sono sostanzialmente abbassati dopo la somministrazione di ISIS-APOCIIIRx (in monoterapia o in combinazione con fibrati) nei pazienti con una vasta gamma di trigliceridi in eccesso, inclusi i pazienti con FCS", ha detto Richard Geary, Vice Presidente Senior del settore Sviluppo a Isis. "La nostra vasta esperienza nello sviluppo di farmaci per il trattamento di disturbi lipidici, comprese le buone relazioni di lavoro che abbiamo stabilito con i medici e i centri che trattano molti pazienti FCS, dovrebbero sostenere il rapido avanzamento di questo programma".

ISIS-APOCIIIRx è stato progettato per riconoscere come bersaglio terapeutico apoC-III, una proteina prodotta dal fegato che svolge un ruolo centrale nella regolazione dei livelli serici di trigliceridi. ApoC-III è un bersaglio geneticamente convalidato. Studi indipendenti hanno infatti dimostrato un legame tra bassi livello di attività apoC-III, i quali si traducono in livelli di trigliceridi inferiori, e una riduzione nelle malattie cardiovascolari.

Oltre a sperimentare ISIS-APOCIIIRx nei pazienti con FCS, Isis sta inoltre sviluppando il farmaco per essere utilizzato nella terapia di persone con trigliceridi gravemente elevati (con valori superiori a 880 m/dL). Questa condizione colpisce circa 50.000 individui negli Stati Uniti e in Europa. Questi pazienti hanno non solo un elevato rischio di pancreatite, ma sono anche soggetti a sviluppare il diabete di tipo 2 e altre malattie cardiovascolari. Attualmente, le terapie disponibili non riducono a sufficienza i trigliceridi in molti di questi pazienti, almeno non tanto da diminuire i rischi per la salute. Isis prevede di avviare il programma di fase 3 in pazienti con trigliceridi gravemente elevati entro l’anno 2014.

Clicca qui per consultare il comunicato stampa ufficiale.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni