Fonte AGI

Per la prima volta un tessuto tridimensionale, nella fattispecie una retina, è stato creato da cellule staminali embrionali umane. La ricerca, dell'Università della California a Irvine, è riportata dal Journal of Neuroscience Methods. La retina riprodotta dai ricercatori è formata da otto strati, ed è ancora nei primi stadi della crescita.

Il metodo per ricrearla deriva da quello utilizzato nella stessa Università per trovare una terapia per le lesioni del midollo spinale, in questo momento in sperimentazione sugli uomini.
Nelle staminali viene indotta la differenziazione nelle varie componenti della retina: in questo caso per imitare quello che avviene in natura i ricercatori hanno dovuto preparare un sistema microscopico con diversi gradienti, cioè con zone in cui varia la concentrazione del fluido dove veniva effettuata la coltura. Erano proprio questi gradienti a far iniziare la differenziazione nelle cellule.
"Questo è un grosso passo avanti nel trattamento delle malattie della retina - spiega Hans Keirstead, che ha coordinato lo studio - ora stiamo testando le retine così ottenute sugli animali, e se avranno successo passeremo a pazienti umani".

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni