Secondo i risultati di uno studio polacco, pubblicati su “European Journal of Neurology”, entrambi i trattamenti attualmente in uso nella terapia della malattia di Wilson (WD) sintomatica sono efficaci e nessuno dei due appare superiore rispetto all’altro.
La malattia di Wilson è una malattia metabolica caratterizzata da accumulo di rame nei tessuti e la terapia si basa sulla riduzione di tale elemento nell'organismo. Secondo quanto spiegato dai ricercatori: "Esistono due gruppi di agenti farmacologici: i chelanti del rame, come la DPA (D-penicillamina), che inducono escrezione urinaria dell’elemento, e i sali di zinco, quale lo ZS (zinco solfato), che diminuiscono l’assorbimento intestinale del metallo e riducono la tossicità del rame nel corpo".

Leggi la notizia completa su Pharmastar.

Articoli correlati

 Sportello legale OMaR

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

Speciale Vaccino Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Invalidità civile e Legge 104, tutti i diritti dei malati rari

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Malattie rare - Guida alle nuove esenzioni

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni