Consulta delle Malattie Neuromuscolari

Ad aderire le associazioni di pazienti di Puglia, Basilicata e Calabria

Nel mese di giugno 2023, dieci associazioni attive sul territorio pugliese, lucano e calabrese hanno dato vita alla Consulta delle Malattie Neuromuscolari SUD, che si unisce ad altre Consulte già operanti in diverse regioni, quali Piemonte, Valle D'Aosta, Toscana, Sardegna, Emilia-Romagna, Liguria, Lazio, Sicilia e Veneto.

La Consulta SUD è costituita dal raggruppamento delle associazioni delle tre regioni i cui sistemi sanitari già collaborano tra loro; il cammino comune permetterà di avere una visione più ampia e maggiore peso nei confronti degli interlocutori clinici e istituzionali.

È stata designata come Portavoce-Coordinatrice della Consulta SUD Giovanna Conenna, e come vice-coordinatori, aventi focus sulle attività regionali:
- per la Puglia: Giovanni Fidati;
- per la Basilicata: Salvatore Losenno;
- per la Calabria: Antonio Vigoroso.

La nascita della Consulta SUD avviene al termine di una serie di proficui incontri avvenuti allo scopo di stabilire convergenze e intese tra i soggetti coinvolti, oltre che ricercare le criticità comuni alle varie patologie. È forte la volontà di condividere e affrontare le problematiche che frenano lo sviluppo di percorsi assistenziali appropriati ed efficaci, lavorando sulle difficoltà trasversali a tutte le patologie e individuando soluzioni comuni.

Si stima che in Puglia, Basilicata e Calabria le malattie neuromuscolari colpiscano alcune migliaia di persone, andando ad incidere anche nella vita quotidiana delle loro famiglie e caregiver. Queste patologie sono per lo più genetiche e rare, insorgono spesso in età pediatrica, prevedono una condizione debilitante ad elevata complessità e si aggravano nel tempo. Esse necessitano di equipe di specialisti multidisciplinari per cure, monitoraggio e prevenzione; richiedono ausili, controlli periodici puntuali e interventi conservativi, fisioterapici e farmacologici, nonché azioni qualificate mirate in caso di emergenza.

Tra le criticità più urgenti, si evidenziano:
- l’individuazione dei reali dati numerici relativi alle persone affette dalle patologie neuromuscolari residenti in ciascuna regione;
- la ricognizione puntuale delle strutture e del personale in grado di trattare le NMD sui singoli territori regionali, per evidenziare i punti di forza e le criticità;
- la creazione della Rete Regionale Neuromuscolare per la prevenzione, diagnosi precoce e la presa in carico del paziente con ruoli e protocolli definiti che identifichi centri di cura e che veda coinvolti attori quali: ASL, Centri Clinici di riferimento, PLS (Pediatri di Libera Scelta), MMG (Medici di Medicina Generale) e associazioni.

Le associazioni che costituiscono la Consulta SUD delle malattie neuromuscolari apprezzano lo sforzo profuso dal personale socio-sanitario, finalizzato ad una corretta presa in carico e ad arginare le carenze istituzionali. Tuttavia, a causa del numero ridotto dei centri specialistici e delle lunghe liste di attesa, molti pazienti portatori di patologie neuromuscolari invalidanti sono costretti a rinunciare a numerose prestazioni socio-sanitarie, o devono recarsi presso centri fuori regione, con una ricaduta negativa sulla loro salute e con disagio per le loro famiglie. Si evidenzia che la migrazione in centri fuori regione ha anche ripercussioni negative sul bilancio sanitario regionale, visto che le spese sono comunque a carico dell’ente regionale di residenza.

In merito agli aspetti assistenziali, le associazioni che costituiscono la Consulta SUD sottolineano, pertanto, la necessità che i pazienti affetti dalle diverse patologie neuromuscolari siano seguiti da equipe multidisciplinari specialistiche opportunamente dislocate sul territorio delle tre regioni, in grado di operare sia sugli aspetti clinici che socio-assistenziali, in modo da poter superare le disuguaglianze territoriali che penalizzano ulteriormente i pazienti.

Per ciò che riguarda i temi di promozione sociale, la Consulta SUD si adopererà affinché le persone con malattie neuromuscolari e, in generale, con disabilità possano godere degli stessi diritti di tutti e affermarsi nei personali percorsi di vita.

In conclusione, la Consulta SUD ritiene fondamentale il confronto costruttivo e la collaborazione con le Istituzioni e con i medici specialisti (pubblici e privati), con l’obiettivo di evidenziare le esigenze e necessità dei pazienti e delle loro famiglie, migliorarne la presa in carico e la qualità di vita ed evitare il turismo sanitario.

A questo proposito, si rende utile l’istituzione di un tavolo operativo di lavoro neuromuscolare per ogni regione, in cui la Consulta SUD potrà costituire raccordo tra i vari tavoli, oltre che favorirne l’interoperabilità. Ciò creerà le condizioni per la costruzione di un’estesa rete di riferimento su tutto il territorio, che possa concretamente rispondere alle esigenze e necessità individuate.

Per eventuali informazioni è possibile consultare il sito della Consulta Malattie Neuromuscolari.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni