Mascherina Coronavirus

Dagli accademici di “Lettera150” i punti chiave per la gestione del Coronavirus in autunno

A settembre riprenderanno molte attività lavorative e la scuola riaprirà i battenti dopo mesi di stop. Milioni di persone dovranno tornare a muoversi ad orari determinati, utilizzando mezzi pubblici e frequentando luoghi affollati. "Fattori che rischiano di avere, se non gestiti correttamente, un forte impatto sulla diffusione del Coronavirus. Ecco perché è decisivo che si rispettino le regole di base per prevenire il contagio. A partire dall'uso della mascherina. Le mascherine proteggono. Occorre usarle e saperle usare". A sottolinearlo sono gli esperti di “Lettera150”, il think tank composto da circa 250 accademici di diverse discipline, nato il 2 aprile scorso per proporre soluzioni efficaci per un’uscita in sicurezza dal lockdown.

In un documento firmato da Andrea Crisanti, ordinario di Virologia, Università di Padova, Gianluigi Condorelli, ordinario di Cardiologia, Università Humanitas, e Giuseppe Valditara, ordinario di Diritto romano, Università di Torino, coordinatore di Lettera150, si fissano cinque punti chiave per la gestione della pandemia virale nel corso della prossima stagione autunnale:
1. I decisori pubblici devono dare un'informazione massiccia e diffusa sull'uso corretto della mascherina, che non può essere lasciato alla libera interpretazione dei cittadini;
2. Occorre chiarire che solo le mascherine certificate proteggono, quelle fatte artigianalmente non sono sicure e anzi producono in chi le indossa un fallace senso di sicurezza;
3. Si deve far rispettare rigorosamente l'obbligo di indossare mascherine certificate sui mezzi di trasporto, in tutti i luoghi chiusi o particolarmente frequentati (mercati, bar, etc.);
4. Bisogna prevedere l'obbligo delle mascherine chirurgiche a scuola, sia per il personale scolastico che per gli studenti, precisando che le stesse vanno sostituite dopo ogni utilizzo;
5. All'ingresso di stazioni e scuole si devono installare scanner per misurare la temperatura e si deve verificare che la mascherina sia indossata correttamente.

“Cosa accadrà a settembre – sottolineano gli esperti – sarà determinante per l'evoluzione dell'epidemia nel prossimo autunno-inverno. Tenere sotto controllo i contagi, a partire dallo strumento più economico e sicuro qual è la mascherina, è doveroso.

Articoli correlati

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni