Premio OMaR 2021

Sei le categorie in gara, con un montepremi di circa 20mila euro assegnato a chi, attraverso i mass media, ha saputo fare una corretta informazione sulle patologie rare

Roma – Il Premio OMaR, riconoscimento per la comunicazione sulle malattie e i tumori rari, apre le candidature per l’VIII edizione; a partire da oggi, è possibile inviare la propria candidatura compilando l’apposito form online presente sul sito del premio. In palio, anche per l’anno 2021, circa 20mila euro destinati a chi, impiegando diversi mezzi di comunicazione, ha saputo fare un’informazione corretta e una sensibilizzazione efficace verso il grande pubblico sul mondo complesso delle patologie e dei tumori rari. Ideato da Osservatorio Malattie Rare, il Premio OMaR si avvale ancora una volta della partnership dei principali stakeholder del settore: Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità, Fondazione Telethon e Orphanet Italia.

Le categorie per le quali è possibile concorrere, e che prevedono dunque un montepremi di circa 20mila euro, sono sei: Premio giornalistico categoria stampa e web; Premio giornalistico categoria audio video; Premio per la migliore campagna di comunicazione (categoria professionisti); Premio per la migliore campagna di comunicazione (categoria non professionisti); Premio per la migliore divulgazione attraverso foto, illustrazioni, fumetti, installazioni artistiche e Premio della Giuria.

Gli articoli, i servizi audio-video e le altre iniziative di comunicazione ammessi a partecipare alle sei sezioni della gara devono essere stati diffusi nel periodo che va dal 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020. Il termine stabilito per l'invio dei materiali è fissato alla mezzanotte del 3 gennaio 2021. La proclamazione dei vincitori avverrà a Roma in prossimità della Giornata Mondiale delle Malattie Rare che si celebra il 28 febbraio 2021, e alla cerimonia saranno presenti i partner del Premio OMaR, i membri della Giuria, rappresentati delle Istituzioni, Associazioni di pazienti, giornalisti scientifici e stakeholder del settore delle malattie e dei tumori rari.

“L’emergenza causata dalla pandemia da COVID-19 ha messo ancora più in evidenza l’importanza di un’informazione corretta e puntuale, soprattutto quella medico-scientifica, e del suo impatto sulla società”, afferma Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttore di Osservatorio Malattie Rare. “La verifica delle fonti, l’accuratezza e la veridicità di una notizia, sono elementi essenziali da seguire anche per chi comunica nel mondo delle malattie rare: un ambito talvolta complesso, ma che interessa da vicino più di 2 milioni di persone in Italia. Con questo Premio si vuole, quindi, valorizzare tutte le figure professionali e non, che si impegnano costantemente nel loro lavoro, stando al passo con le nuove tecnologie e parlando di temi complessi in modo che siano comprensibili per la popolazione”.

L’iniziativa è patrocinata da Federazione Relazioni Pubbliche Italiana (FERPI), Ordine dei Giornalisti, AbilityChannel, Festival “Uno Sguardo Raro”, Centro di Documentazione Giornalistica (CDG), Unione Stampa Periodica Italiana (USPI) e Web Health Information Network (WHIN).

Gli aggiornamenti sul Premio saranno presenti su questo sito e sul portale dedicato al riconoscimento, nel quale si possono trovare regolamento, modalità di partecipazione e composizione della Giuria.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni