Annalisa Scopinaro

Annalisa Scopinaro (UNIAMO): “In questa situazione di emergenza, i malati rari vanno monitorati, tutelati e supportati con maggiore attenzione”

Roma – Il Coronavirus un’emergenza nell’emergenza per tutte le persone già affette da importanti patologie pregresse. Tra queste ci sono i malati rari che necessitano di terapie specifiche e di un approccio assistenziale mirato. Le malattie rare sono numerose - ad oggi ne sono state identificate più di 7000 - molto diverse tra loro ma spesso accomunate da problemi di ritardo nella diagnosi, mancanza di una cura, carico assistenziale. L’emergenza Coronavirus impone quindi una riflessione sulla gestione terapeutica e la presa in carico dei malati rari che in Italia si stima siano oltre 1 milione. Questo tema è stato al centro del webinar “COVID-19 E MALATI RARI: un’emergenza nell’emergenza”, tenutosi il 30 maggio 2020 e pensato per fare il punto sull’impatto del Coronavirus nei pazienti rari e sulle necessità degli assistiti.

“In una situazione come quella che stiamo vivendo i malati rari vanno monitorati, tutelati e supportati con maggiore attenzione”, afferma Annalisa Scopinaro, Presidente UNIAMO FIMR Onlus. “Nessuno si deve sentire lasciato solo, nessuno deve essere lasciato indietro. Nell'ambito delle molte iniziative svolte dalla Federazione in questo periodo abbiamo anche, di concerto con l’Istituto Superiore di Sanità, elaborato un questionario online al fine di conoscere i bisogni e le istanze dei malati rari nel contesto dell’emergenza Coronavirus”.

Molti dei pazienti rari hanno la necessità di un’assistenza continua, dalle terapie ai trattamenti riabilitativi e ai dispositivi medici, e alcuni gruppi di malati rari hanno un rischio aumentato in caso di comorbilità con il virus: in particolare, bambini e adulti con deficit immunitari, disabilità neuromotoria, patologie respiratorie croniche, cardiopatie, con malattie ematologiche, con patologie metaboliche ereditarie a rischio di scompenso acuto o portatori di dispositivi medici, i malati oncologici o onco-ematologici.

“L’assistenza ai pazienti affetti da malattie rare - spiega Domenica Taruscio, Direttore del Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità - deve essere gestita conciliando le esigenze di cura e assistenza con la sicurezza dei malati, degli operatori del SSN e dei caregivers, familiari e non. Ai pazienti con malattie rare deve essere garantito sia l’accesso ai farmaci, che spesso sono salvavita, sia la regolarità nella programmazione dei controlli medici. Anche durante un’emergenza come quella rappresentata dalla pandemia da COVID-19 dobbiamo far sì che il diritto alla salute sia effettivamente garantito per tutti i cittadini, e quindi anche per quelli che hanno una malattia rara”.

La battaglia contro il Coronavirus ha acceso un nuovo faro sull’importanza della ricerca condotta dalla comunità scientifica internazionale. “Per combattere questa nuova patologia c’è una sola arma: credere nella scienza, nella ricerca e soprattutto nella competenza dei ricercatori di tutto il mondo, attraverso lo scambio quotidiano e senza limiti dei risultati scientifici ottenuti”, conclude Giuseppe Novelli, Professore di Genetica Medica all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata.

Il webinar “COVID-19 e malati rari: un’emergenza nell’emergenza”, realizzato con il contributo incondizionato di Chiesi Italia (filiale italiana del Gruppo Chiesi), è stato promosso da UNIAMO FIMR e l’iniziativa ha ottenuto il patrocinio di Cittadinanzattiva Aps, Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG), Sindacato Italiano Specialisti Pediatri (SISPe) e Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) di Roma e Provincia.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni