Ospedale San Raffaele

Presso l’ospedale milanese è stato studiato un percorso clinico ad hoc per i pazienti che hanno superato la fase critica

Milano - L’IRCCS Ospedale San Raffaele (Gruppo San Donato) ha attivato un reparto di 28 letti dedicato interamente alla riabilitazione motoria, respiratoria e neurologica dei pazienti COVID-positivi che a causa della lunga degenza e degli effetti della malattia non sono più autosufficienti e necessitano di essere riabilitati prima della dimissione.

Una volta conclusa la fase critica, le conseguenze legate al prolungato allettamento, le problematiche pregresse e attuali di tipo respiratorio e quelle della sfera cognitivo-emotiva richiedono un sostegno adeguato. Spiega Sandro Iannaccone, primario di Riabilitazione Cognitiva e Motoria dell’IRCCS Ospedale San Raffaele: “Considerando le esigenze dei pazienti ricoverati in ospedale, abbiamo studiato un percorso clinico riabilitativo ad hoc per loro. Si tratta di persone debilitate sia fisicamente che emotivamente: mostrano segni di astenia importante, difficoltà di movimento, deficit del sistema nervoso periferico e centrale, come la perdita dell’olfatto e del gusto e in molti casi sono confusi e disorientati.”

É un’équipe multidisciplinare di Fisiatri, Neurologi, Pneumologi, Neuropsicologi, Psichiatri, Cardiologi, Otorinolaringoiatri, Fisioterapisti e nutrizionisti, affiancati da infermieri dedicati, a prendersi cura di questi pazienti attraverso un percorso che ha lo scopo di migliorare la dinamica respiratoria, contrastare le problematiche muscolo-scheletriche e riabilitare la persona da un punto di vista neuropsicologico.

Siamo appena partiti e in settimana avremo le prime dimissioni. Questa malattia si presenta con problemi respiratori conclamati ma vi sono altri sintomi che emergono nella fase post acuta, sotto forma di esiti o in forma attiva. Tutti i pazienti ricoverati sono ancora infettivi e presentano problematiche neuromuscolari, cognitive, di equilibrio degli elettroliti, di scompenso cardiaco e polmonare. È importante che sia una équipe multispecialistica, come quella della Riabilitazione, a prendersene carico, con l’obiettivo di un completo recupero funzionale. Il reparto è inoltre organizzato per svolgere al letto del paziente la maggioranza degli esami strumentali in contemporanea all’attività riabilitativa e assistenziale, in modo che il paziente non debba spostarsi all’interno dell’ospedale”, conclude il dottor Iannaccone.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Premio OMaR - Sito ufficiale

Libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni