Nella VI edizione del Premio OMaR, svoltasi lo scorso 28 febbraio a Roma, presso l'Ara Pacis, ha ricevuto una menzione speciale la giornalista di AboutPharma Cristina Tognaccini, per il suo articolo “Speranze da terapia genica e oligonucleotidi antisenso”.

La menzione è stata conferita per il grande valore comunicativo dell’articolo, perché capace di coniugare una notevole capacità espressiva e divulgativa ad una ineccepibile correttezza dell’informazione. La menzione ha avuto anche il significato simbolico di dare visibilità e gratificazione al prezioso lavoro svolto costantemente della stampa specializzata.

Il mio articolo – spiega la Tognaccini – parla di quelle che io chiamo ‘terapie 2.0’, perché sono terapie più ‘avanti’ di quelle a cui siamo stati abituati fino ad ora: mi riferisco alla terapia genica e agli oligonucleotidi antisenso. Io mi occupo di medicina e scienza e spesso mi capita di scegliere di parlare di terapie avanzate perché penso rappresentino il futuro e che sia un argomento che apre diverse tematiche, tra cui anche la loro sostenibilità economica e il loro costo”.

“Parlando di terapie avanzate, io e il giornale per cui scrivo – conclude la giornalista – speriamo di suscitare l’interesse anche delle aziende che al momento non si stanno ancora occupando di malattie rare e di terapie innovative: vorremmo insomma costruire un ponte tra mondi diversi che però hanno l’obiettivo comune di trovare una cura per i pazienti”.

Clicca QUI per scaricare l'instant book dedicato alla VI edizione del Premio OMaR.

Sportello legale

Malattie rare e coronavirus - L'esperto risponde

BufalaVirus: le false notizie su COVID-19

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Seguici sui Social

Il valore della cura e dell’assistenza nell’emofilia

Il valore della cura e dell'assistenza nell'emofilia

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Sulle proprie gambe: racconti di XLH e rachitismo ipofosfatemico

Partner Scientifici



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni