Franco LocatelliFranco Locatelli, Professore Ordinario di Pediatria - Università “La Sapienza” 4 Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia e Terapia Cellulare e Genica, IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, è il nuovo direttore del Consiglio Superiore di Sanità (CSS). Locatelli ha messo a punto la tecnica che ha permesso ad Alex, bambino affetto da una malattia molto rara, di essere curato con un trapianto di cellule staminali da genitore.

Il piccolo paziente affetto da linfoistiocitosi emofagocitica (HLH), trasferito a fine novembre al Bambino Gesù di Roma dall'ospedale Great Ormond Street di Londra, e sottoposto il 20 dicembre a trapianto, ora sta bene. Le cellule del padre, manipolate e infuse nel bambino di 20 mesi, a distanza di un mese dal trapianto hanno perfettamente attecchito, ripopolando adeguatamente il sistema emopoietico e immunitario del paziente.

Il Prof. Locatelli ha inoltre messo a punto una nuova tecnica di terapia CAR-T, sofisticato approccio di immunoterapia basata sull'ingegnerizzazione genetica dei linfociti T, che vengono potenziati per combattere i tumori.

La nomina a direttore del CSS è stata decisa alla riunione di insediamento del Consiglio al Ministero della Salute. Vicepresidenti sono stati eletti Paolo Vineis, 68 anni di Alba, Ordinario di Epidemiologia all’ Imperial College di Londra, e Paola Di Giulio, 64 anni di Brindisi, che ricopre il ruolo di Professore di Scienze Infermieristiche – Università di Torino. “Auguri a Franco Locatelli eletto Presidente del CSS e a tutti buon lavoro. È l’inizio di una felice collaborazione di cui il Paese ha bisogno”, ha detto il Ministro della Salute Giulia Grillo.

Al Professor Locatelli i nostri migliori auguri di buon lavoro.

Articoli correlati

Seguici sui Social

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere Informazioni, News e Appuntamenti di Osservatorio Malattie Rare.

Sportello Legale OMaR

Tutti i diritti dei talassemici

Le nostre pubblicazioni

Malattie rare e sibling

30 giorni sanità

Speciale Testo Unico Malattie Rare

Guida alle esenzioni per le malattie rare

Con il contributo non condizionante di

Partner Scientifici

Media Partner


Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni